Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Von der Leyen eletta presidente della Commissione Ue con il voto favorevole del M5s

Immagine di copertina

Ursula von der Leyen ce la fa per soli nove voti e conquista la fiducia dell’Europarlamento per la carica di presidente della Commissione europea con una maggioranza risicatissima: 383 voti a favore, a fronte della maggioranza necessaria prevista di 374 voti. I contrari sono stati 327. Ad annunciarlo è stato il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

Determinanti potrebbero essere stati i voti dei parlamentari europei del Movimento Cinque Stelle, mentre hanno votato contro gli eurodeputati della Lega e di Fratelli d’Italia, nonostante una prima apertura da parte di von der Leyen sul tema degli scafisti e del contrasto all’immigrazione irregolare. I 5 Stelle, quindi, potrebbero aver salvato l’elezione della von der Leyen consentendole di arrivare almeno al 51,27 per cento.

Ecco il conteggio: la maggioranza a Strasburgo, composta da Ppe-S&D-Liberali, conta 444 eurodeputati ma, escludendo i 14 sì dei pentastellati, l’ex ministro della Difesa avrebbe potuto contare solo su 369 voti delle forze pro-europeiste, cinque in meno della maggioranza richiesta di 374 sì. Compatto il “no” dei sovranisti alla candidata proposta dalla cancelliera tedesca Angela Merkel: il gruppo Identità e democrazia, di cui fanno parte la Lega e Fratelli d’Italia, ha votato contro.

Ma tra franchi tiratori e schede bianche, a von der Leyen sono mancati, sulla carta, anche 75 voti dei partiti che sostengono la maggioranza.

La candidata tedesca ha ricevuto dal Parlamento europeo meno voti rispetto ai suoi predecessori Jean-Claude Juncker e José Barroso (che furono eletti rispettivamente con il 56,19 per cento e il 51,9 per cento.

“Von der Leyen con noi ha assunto degli impegni ben precisi, lo ha fatto nel suo discorso in aula e lo aveva fatto durante l’incontro bilaterale che abbiamo avuto”, ha detto Tiziana Beghin, europarlamentare M5S. “I punti da lei espressi ci hanno rincuorato”, ma “staremo attenti a monitorare quello che verrà fatto nei prossimi mesi e anni”.

Chi è Ursula von der Leyen
Il primo discorso di Ursula von der Leyen da presidente della Commissione europea
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi