Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Uno dei rari video che mostra la vita nella capitale della Corea del Nord

Immagine di copertina

Un giornalista finlandese ha filmato dalla sua automobile le strade di Pyongyang cercando di superare le immagini propagandistiche che di solito sono diffuse dal regime

L’immagine che il mondo ha della Corea del Nord è in genere filtrata da ciò che la propaganda del regime decide di diffondere. I reportage di giornalisti occidentali per le strade delle città nordcoreane sono una rarità.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un giornalista finlandese, Mika Mäkeläinen, è riuscito nell’impresa e ha realizzato un video durante la sua visita nel paese in occasione della celebrazione dell’anniversario della nascita di Kim Il Sung, il fondatore dello stato.

 

Le immagini che Mäkeläinen ha pubblicato sul suo profilo Facebook durano in tutto 12 minuti e sono state girate il 18 aprile nel centro di Pyongyang, andando in automobile verso l’ospedale. Il giornalista finlandese ha precisato di non essere stato mai bloccato mentre filmava la vita cittadina.

Come evidenzia il sito Vox che ha ripreso il video, lo stile della città ricorda quello dell’Unione sovietica con i suoi grossi palazzi dipinti di rosa e di verde. Dappertutto ci sono cartelloni pubblicitari che inneggiano al regime. Si vedono anche il Museo delle Tre Rivoluzioni e la Torre dell’Immortalità.

La vita della città è normale in tutte le sue sfaccettature, nonostante le notizie dell’oppressione del regime sulla popolazione dominino i media internazionali. Non c’è traccia della potenza militare che Kim Jong-Un ama sfoggiare nei suoi proclami e con la quale minaccia le potenze mondiali.

I cittadini di Pyongyang in una giornata di pioggia danno un’immagine della città che sembra in contrasto con le parate militari e i lanci missilistici che di solito fanno parlare il mondo della Corea del Nord. C’è chi cammina con in mano una ventiquattrore, chi sta seduto in maniera composta sull’autobus. Molti sono a bordo delle biciclette, protetti dagli impermeabili. E, al di là, del regime politico a cui sono sottoposti, condividono di certo le stesse ansie quotidiane e gli stessi problemi degli abitanti di qualsiasi parte del mondo.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda