Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una drag queen in Pakistan

Immagine di copertina

Il suo vero nome è Ali Saleem. Ma nei talk show interpreta Begum Nawazish Ali, una vedova sofisticata che mette in mostra tutta la sua femminilità

Una drag queen in Pakistan

Durante la lezione di Musica/Genere di questa settimana, parlando di mascolinità ho avuto la possibilità di presentare Begum Nawazish Ali, la ‘conduttrice’ del talk show più popolare in Pakistan, il Late Night Show con Begum Nawazish Ali. Il suo vero nome è in realtà Ali Saleem, un uomo che ama mettere in scena la propria femminilità recitando il ruolo di Begum Nawazish Ali appunto, una donna pakistana di mezza età, vedova di un colonnello. Lei afferma di farlo per divertimento, ma personalmente penso ci sia molto altro, e credo lo pensino tutti. Esistono migliaia di video su Youtube tra cui interviste e, di recente, un dossier sulla sua incarcerazione per aver picchiato sua madre.

Preferisco fare riferimento a Begum Nawazish al femminile, poiché sono interessata principalmente alla sua femminilità. Parlo di lei al maschile solamente quando si parla di Ali Saleem: la persona e non il personaggio. Evito di riferirmi a lei come fosse una drag queen (tale è l’interpretazione che le darebbero negli Stati Uniti, ma non so come siano le drag queen e i drag king in Pakistan, non ancora). Ah, e alla fine di questo post, ho condiviso anche due video presi da Youtube, uno estratto dal suo show, mentre l’altro è la pubblicità (davvero provocatoria!) della sua apparizione a Big Boss, un’altra popolare trasmissione.

I talk show pakistani ospitano Begum Nawazish Ali perché incarna perfettamente l’idea di iperfemminilità. In un periodo in cui il Pakistan soffre di un conservatorismo estremo, l’esempio di Begum Nawazish solleva diverse questioni pungenti sulla sessualità nella società pakistana. Nelle sue interviste afferma di volersi divertire e intrattenere il pubblico, proprio come gli ospiti del suo talk show, ma attraverso le sue performance esprime sia il suo lato femminile che quello maschile, suggerendo che dietro il travestimento ci sia qualcosa di molto più profondo. L’intrattenimento è spesso stato usato come un efficiente strumento per mobilitare idee, dissipare pregiudizi e risolvere problemi.

Il Late Night Show con Begum Nawazish, il talk show più popolare in Pakistan, non è dunque ‘mero’ intrattenimento: invia messaggi alla società pakistana. Ovvero, un maschio che inscena la femminilità può contribuire alla credenza secondo la quale gli uomini godono di molta più libertà rispetto alle donne; in tal modo una femmina può non venire facilmente rispettata e accettata come conduttrice di una trasmissione televisiva, come lo è Begum Nawazish. Rafforza inoltre la supposizione che la femminilità può essere, o è, appresa, laddove la mascolinità è attribuita alla nascita. Non solo, Begum Nawazish flirta con i suoi ospiti maschi e le pubblicità del suo show sono molto seducenti, così come quella della trasmissione indiana Big Boss, dove sarà ospite. Truccata e con indosso degli splendidi sari, fa commenti a sfondo sessuale e domande sulla vita privata degli invitati; cammina e recita proprio come farebbe una donna pakistana. Nonostante la sua sfida contro l’idea che solo le donne possano essere femminili e che la società pakistana non possa accettare una persona che gioca con i ruoli di genere, Begum Nawazish inscena la femminilità solo durante gli show e mai al di fuori. Interpreta una vedova di mezza età, e racconta spesso aneddoti immaginari sul marito, come quello sulla loro luna di miele a Parigi.

L’esibizione di Begum Nawazish può anche essere interpretata come il modo in cui un uomo mostra a una donna come essere femminile o cosa è la femminilità. È una donna pakistana, una vedova, ma appare molto sicura, brillante, sfrontata e affascinante. È caparbia, non ha paura di esprimere opinioni su questioni sociali, attualità, politica nazionale e internazionale. Trascende molti se non tutti i limiti della società pakistana. Ma mentre insegna alle donne come essere donne abbastanza, comunica loro anche il messaggio secondo il quale una donna non può essere sicura di sé senza un bello sguardo, un trucco impeccabile, un meraviglioso sari indosso, un’acconciatura ben fatta. Una volta che la donna possiede tutto ciò, non le sarà complicato assumere un’aria sicura come quella di Begum Nawazish. Oppure è possibile che, come le drag queen, sia talmente ipersessualizzata e iperfemminilizzata da non rappresentare la donna ‘ordinaria’? Come definirebbe la mascolinità, e come avrebbe ipermascolinizzato se stessa se fosse stata un drag king? È molto interessante il fatto che Begum Nawazish abbia scelto di non inscenare la mascolinità nel suo show. Quanto sarebbe stata diversa l’accoglienza nei suoi confronti se avesse scelto di ‘intrattenere’ il pubblico con attività femminili (per esempio truccandosi), ma recitando da uomo? E come risponderebbe la società a una donna che inscena un uomo mentre presenta uno show? Oppure anche la società pakistana, come quella americana, ritiene che l’essere uomini sia un fattore naturale, che non può essere imparato? Forse le esibizioni di Begum Nawazish dimostrano che la società non crede che un uomo o una donna possano essere femminili senza la grazia, la bellezza, lo sguardo, il comportamento, e i modi del personaggio di Begum Nawazish?

Per illustrarvi quanto detto sopra, posto di seguito due video, che ho mostrato anche alla mia classe.

Una puntata del Late Night Show con Begum Nawazish Ali

La pubblicità di Big Boss

Dal blog di Orbala per The Post Internazionale
Traduzione di Viviana Boccardi

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre