Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Io, gay, costretto a una terapia per ‘guarire’ e diventare etero”: la testimonianza shock dello scrittore americano

Immagine di copertina
Lo scrittore Garrand Conley

“A 19 anni, sono stato costretto a sottopormi a una terapia anti-gay”. Sono le parole scioccanti di Garrand Conley, l’autore americano di Boy erased (in italiano: “ragazzo cancellato”).

In un’intervista pubblicata dal giornale francese “Le Nouvel Observateur“, lo scrittore Conley racconta la sua esperienza “siderale” all’interno di un centro di conversione per gay chiamato “Love in Action“.

Sono stati i suoi genitori, che vivono nel piccolo stato dell’Arkansas nel sud degli Stati Uniti, a lanciare al giovane Garrand Conley l’ultimatum: per non essere rinnegato dalla sua famiglia e dalla sua chiesa (una congregazione ultra-conservatrice), Conley è obbligato a sottoporsi a una “terapia di conversione” che lo renderà “normale” (vale a dire eterosessuale).

La terapia “Love in Action”: un lavaggio del cervello

Cosa accade in luoghi come “Love in Action“? A giudicare dalla testimonianza di Garrard Conley, dei veri e propri lavaggi del cervello. “L’omosessualità viene paragonata a un peccato, allo stesso titolo della pedofilia, della zoofilia o dell’infedeltà”, racconta l’autore.

“Ci facevano fare un ‘inventario morale’, cioè mettere per iscritto i nostri errori”. Nel centro viene poi spiegato come vestirsi, come pensare e persino che lavoro fare. L’autore spiega che i costi della terapia sono alti e che per pagarsela alcuni “pazienti” utilizzavano tutto il loro stipendio.

“Però non tutti i lavori erano approvati. Per esempio, se lavoravi in un ristorante, quello non doveva essere troppo vicino a un centro commerciale, per evitare incontri ravvicinati con degli uomini”.

Anni dopo, ormai uscito dalla terapia, Garrand Conley decide di ritornare su quell’esperienza, ma stavolta per raccontarla e denunciarla.

“È difficile ricostruire lo stato d’animo nel quale mi trovavo. Sono cresciuto in una chiesa, circondata da persone che si consideravano come il popolo di Dio. Tutta la vita, mi hanno ripetuto le stesse cose. È il principio del lavaggio del cervello. O come in una setta: ti si dice che la situazione orribile in cui ti trovi è migliore di quella di tutti gli altri, che loro bruceranno all’inferno. La paura dell’inferno è un motore molto potente”, conclude l’autore.

“In Vaticano sono tutti gay. Ma è un segreto”: intervista di TPI all’autore del libro-inchiesta su una delle comunità omosessuali più grandi del mondo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari