Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Obama pensa a inviare truppe di terra in Siria contro l’Isis

Immagine di copertina

Nuove truppe speciali verrebbero inviate in Siria ed elicotteri d'attacco in Iraq per combattere l'Isis. Aumenterebbe anche il numero dei bombardamenti aerei

Gli Stati Unti starebbero prendendo in considerazione la possibilità di inviare truppe speciali in Siria ed elicotteri d’attacco in Iraq per combattere l’Isis. L’amministrazione statunitense potrebbe aumentare anche il numero dei bombardamenti aerei.

Le proposte elaborate dall’esercito statunitense sono sul tavolo del presidente Barack Obama e arrivano dopo che il segretario alla Difesa, Ashton B. Carter aveva chiesto ai vertici militari di disegnare nuovi piani militari per Siria, Iraq e Afghanistan.

Se accettate dal presidente Obama le proposte porterebbero a un incremento dell’impegno statunitense in Siria.

Il presidente Obama era stato finora contrario a mettere a rischio la vita dei soldati americani in guerre impopolari nel Medio oriente. Per questa ragione l’amministrazione Obama non aveva mandato truppe a sostegno dei curdi che stanno combattendo l’Isis in Siria.

Ma l’intervento russo, per il momento solo attraverso bombardamenti, in Siria potrebbe aver cambiato le cose.

Il segretario alla Difesa Ashton Carter ha detto nell’incontro di martedì 27 ottobre con i senatori statunitensi che la coalizione internazionale contro l’Isis dovrebbe avere come obiettivo principale Raqqa, la roccaforte del sedicente Stato Islamico.

“Ci aspettiamo di intensificare la nostra campagna aerea, usando nuovi aerei degli Stati Uniti e degli altri appartenenti alla coalizione, per colpire l’Isis con bombardamenti più intensi e più frequenti” ha detto Carter.

Continuano contemporaneamente gli sforzi diplomatici. Giovedì 29 ottobre inizierà a Vienna, in Austria, una nuova tornata di colloqui di pace sulla Siria che vedrà la partecipazione del segretario di Stato americano John Kerry, del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e di rappresentanti di diversi stati europei e arabi.

– Leggi: gli Stati Uniti hanno riferito di aver invitato, per la prima volta, Teheran a partecipare ai negoziati sulla risoluzione del conflitto civile siriano 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Russia non vuole veri colloqui di pace". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Russia non vuole veri colloqui di pace". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”