Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il nuovo sito di Google che aiuta a capire la crisi dei rifugiati siriani

Immagine di copertina

“Searching for Syria” permette di accedere a video a 360 gradi di antichi siti danneggiati o distrutti durante il conflitto in Siria e leggere storie di rifugiati siriani

Com’era la Siria prima della guerra? Cosa sta succedendo nel paese? Chi sono i rifugiati? Per rispondere a queste e ad altre domande comuni sulla crisi siriana l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha realizzato il sito Searching for Syria, lanciato lunedì 22 maggio 2017. Il sito è stato realizzato in partnership con Google, che lo assocerà alla sua homepage in alcuni paesi specifici.

Searching for Syria è una piattaforma interattiva che permette di accedere a video a 360 gradi di antichi siti danneggiati o distrutti durante il conflitto, o a foto di Google Earth scattate prima dell’inizio della guerra civile lunga sei anni.

Il sito include anche storie di persone sfollate a causa del conflitto siriano, insieme a dati che danno la misura di quanto questo abbia devastato la zona.

“Searching for Syria mira a sfatare i miti e le idee sbagliate sulla Siria e sui rifugiati e offrire uno sguardo completamente nuovo sulla più grande tragedia umanitaria di oggi”, ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. “Questo è un fantastico progetto con Google che ci permette di individuare e rispondere alle cinque domande fondamentali sui profughi siriani e sfollati che il pubblico ha più voglia conoscere e aiutarci a raccogliere sostegno e finanziamenti necessari per il nostro sforzo umanitario”.

Il sito è disponibile in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Una versione in arabo sarà presto disponibile.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese