Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Siria è corsa contro il tempo per evacuare i malati da una zona in mano ai ribelli

Immagine di copertina

Circa 400mila persone, nell'enclave di Ghouta orientale, sono assediate dalle forze governative di Assad. Tra loro ci sono molti malati, anche bambini

Come riportato dal Comitato internazionale della Croce Rossa, sono iniziate le operazioni di evacuazione dei malati nell’enclave di Ghouta orientale, una zona nei pressi della capitale siriana Damasco in mano ai ribelli.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Circa 400mila persone, in quell’area, sono assediate dalle forze governative siriane del presidente Bashar al-Assad, e le Nazioni Unite hanno più volte chiesto allo stesso Assad di consentire l’evacuazione di circa 500 individui affetti da varie patologie, tra cui bambini malati di cancro.

La Syrian American Medical Society ha reso noto che è stato dato il via libera per il trasporto verso gli ospedali di Damasco di una trentina di persone le cui condizioni sono particolarmente critiche, e che il resto dei malati dovrebbe comunque essere evacuato nei prossimi giorni.

Secondo l’Onu, quasi il 12% dei bambini di Ghouta orientale, che ha una popolazione totale di 400.000 persone, soffre di malnutrizione acuta.

Domenica 24 dicembre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva dichiarato che il suo paese stava cooperando con la Russia, alleato di Assad, per procedere alle evacuazioni.

La richiesta di mettere in salvo le persone malate era arrivata mesi fa dalle Nazioni Unite. In queste ultime settimane, almeno 16 pazienti sono morti per l’impossibilità di raggiungere strutture sanitarie adeguate in altre aree della Siria.

La Syrian Red Crescent, organizzazione che fa parte della Croce Rossa Internazionale, ha riferito che l’evacuazione è stata il risultato di lunghe trattative con il presidente siriano Assad.

Analoghe trattative sono intercorse tra lo stesso Assad e le fazioni ribelli.

Ghouta, ultima roccaforte della ribellione ad Assad, è una delle quattro “zone di de-escalation” individuate a maggio dalla Russia e dall’Iran, alleati del regime, e dalla Turchia, che sostiene i ribelli.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”