Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Scozia tamponi e assorbenti diventano gratuiti nei luoghi pubblici: è la prima nazione al mondo

Immagine di copertina

La Scozia è il primo paese al mondo ad approvare una legge che garantisce il diritto di ottenere protezioni mestruali gratuitamente nei luoghi pubblici, dalle scuole alle piscine comunali. Studenti e lavoratori per i quali gli assorbenti erano una spesa gravosa e alle volte inaccessibile non dovranno più assentarsi o usare escamotage di tessuti e carta igienica durante la scomoda settimana. Una misura, in vigore dal 15 agosto, per arginare gli effetti del carovita galoppante unita alla lotta contro le disparità di genere.

La legge è stata promossa dalla deputata laburista Monica Lennon che ieri ha raggiunto un traguardo dopo sei anni di impegno, con l’appoggio di associazioni sindacati, contro la povertà mestruale. Già dal 2018 i prodotti mestruali erano diventati gratuiti per gli studenti scozzesi, e dal 2021 ha abolito la tampon tax (l’iva sui prodotti mestruali). Il governo scozzese ha già stanziato 9 milioni di sterline per una misura stimata a 24 milioni annuali.

La povertà mestruale è un tema sempre più presente grazie al lavoro di numerose associazioni o movimenti, come ad esempio Onde Rosa in Italia. Ciononostante la decisone del parlamento scozzese è una misura inedita. In Italia, nonostante la riduzione dell’IVA per assorbenti e tamponi dal 22% al 10% di quest’anno, le protezioni mestruali sono ancora lontane dall’essere considerate prodotti di prima necessità (che godono di un’IVA del 4%). “Il ciclo non è un lusso” ha dichiarato l’Intergruppo della Camera per le donne, ma fare approvare l’IVA al 5% per gli assorbenti nostrani non è stato possibile. Non esistono dati ufficiali sulla povertà mestruale in Italia, ma basta pensare che su gli oltre 5 milioni di cittadini che vivono in condizioni di povertà assoluta la metà per un periodo della sua vita deve fare i conti, letteralmente, con le mestruazioni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio