Scontri al Cairo

Le forze di sicurezza egiziane si sono scontrate con alcuni militanti nel distretto di Kerdasah, nei pressi del Cairo

Di Laura Lisanti
Pubblicato il 19 Set. 2013 alle 10:28 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:20
0
Immagine di copertina

Soldati e polizia a Kerdasah, cittadina a 9 chilometri dal Cairo.

Nelle prime ore del mattino ha preso il via la seconda operazione delle forze statali per riprendere il controllo sulle aree dominate dagli islamisti.

Sono state intercettate e sequestrate dozzine di armi, tra cui dei lancia granate.

Giovedì scorso, un ufficiale della polizia egiziana era stato ucciso durante gli scontri alla periferia del Cairo mentre le forze statali cercavano di riguadagnare terreno sui militanti attivi nell’area.

La tv di stato riporta che le forze di sicurezza hanno impiegato gas lacrimogeni, mentre alcune agenzie confermano l’uso di elicotteri durante le operazioni per impaurire e stordire la folla.

Dagli scontri del 14 agosto, non c’era stato nessun intervento militare da parte delle autorità a Kerdasah. La stazione di polizia era stata attaccata e le chiese bruciate dopo le proteste dei sostenitori dell’ex presidente Mohammed Morsi al Cairo.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.