Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Scandalo corruzione

Immagine di copertina

I documenti originali pubblicati da El Mundo sembrerebbero confermare i pagamenti illeciti ricevuti dal Partito Popolare

Il giornale spagnolo El Mundo ha pubblicato documenti che mettono il primo ministro Mariano Rajoy e altri importanti politici spagnoli al centro di uno scandalo di tangenti. Sembra infatti che lui e i componenti del suo partito abbiano ricevuto pagamenti illeciti (almeno 15,4 milioni di pesetas, 95 mila euro) tra 1997 e 1999, quando Rajoy era ministro nel governo di José Maria Aznar.

I documenti emersi sono movimenti contabili originali scritti a mano dall’ex tesoriere del Partito Popolare, Luis Barcenas, che ha detto di aver consegnato tutto alla Corte Suprema. Le accuse sostengono che Barcenas fosse responsabile di gestire le donazioni fatte dai grandi gruppi industriali nel campo dell’edilizia e che distribuisse differenti quote ai componenti del partito in contanti, per non lasciare tracce.

In un’intervista pubblicata a El Mundo domenica, Barcenas per la prima volta ha ammesso che la scrittura a mano nei documenti era la sua. Ha aggiunto che le fotocopie originariamente pubblicate da El Pais all’inizio di quest’anno erano solo una frazione dei documenti che aveva in suo possesso.

Mariano Rajoy e gli altri membri del Partito Popolare hanno ripetutamente negato di aver ricevuto pagamenti illeciti, ma finora non sono stati in grado di prendere le distanze da uno scandalo sul quale la magistratura deve ancora pronunciarsi. Una dichiarazione di ieri dice: “Il Partito Popolare ribadisce che non conosce le note, né il loro contenuto”. In un momento di recessione e di difficoltà economiche, lo scandalo ha anche contribuito ad affondare la popolarità di Rajoy nei sondaggi d’opinione.

Il leader dell’opposizione Alfredo Perez Rubalcaba già a febbraio aveva invitato Mariano Rajoy a dimettersi. “I documenti originali pubblicati da El Mundo oggi polverizzano l’alibi usato fino a ora dal Partito Popolare, che ha negato l’autenticità dei documenti provenienti dal suo ex-tesoriere”, ha ribadito.

In quello che può diventare il più importante scandalo di corruzione che colpisce la moderna politica spagnola, le accuse hanno provocato rabbia tra gli spagnoli che già soffrono di una lunga e profonda recessione e sono stati colpiti dai tagli del regime di austerità imposto dal governo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”