Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Non dormo e non mangio più”: il racconto della donna nera vittima di razzismo sul volo Ryanair

Immagine di copertina

La donna, una 77enne di origini giamaicane, rompe il silenzio sull'episodio accaduto su volo Ryanair FR015 da Barcellona a Londra Stansted

La donna nera che venerdì 19 ottobre è stata vittima di un episodio di razzismo sul volo Ryanair FR015 da Barcellona a Londra Stansted ha deciso di rompere il silenzio e parlare dell’incidente.

“Mi sento davvero depressa per quanto accaduto. Resto a letto e mi chiedo: ‘Cosa ho fatto? Non ho fatto nulla per essere attaccata soltanto a causa del colore della mia pelle’”, ha raccontato la donna a ITV News, un’emittente britannica.

La signora Gayle si è trasferita nel Regno Unito negli anni Sessanta e ha rivelato in lacrime di non sapere quando si sarebbe ripresa dall’incidente perché ogni volta che lo ricorda le viene da piangere.

“Ho pagato il mio biglietto come gli altri, perché mi si accusa in base al colore della mia pelle?”.

“Non mangio, non riesco a dormire. Sono sdraiata e penso che non mi era mai successa una cosa simile durante i miei viaggi”.

Il video, girato da David Lawrence, mostra l’uomo che chiede alla donna di cambiare posto, mentre sua figlia gli dice che sua madre è disabile.

“Brutta p***** negra, se non ti togli da qui, ti caccio via io”, grida l’uomo che impedisce alla passeggera di sedersi al proprio posto assegnatole regolarmente.

 l’uomo avrebbe rivolto insulti razzisti alla donna perché la signora sarebbe stata lenta nel farlo passare per raggiungere il posto lato finestrino.

La figlia della donna ha raccontato che la madre, una 77enne di origini giamaicane, soffre di un’artrite debilitante che le procura difficoltà motorie.

Ryanair ha rilasciato una dichiarazione su Twitter nella quale afferma: “Siamo a conoscenza di questo video e abbiamo segnalato questo problema alla polizia dell’Essex”.

Un portavoce della polizia dell’Essex ha dichiarato: “La polizia di Essex prende sul serio il crimine basato sui pregiudizi e vogliamo che tutti gli incidenti siano segnalati. Stiamo lavorando a stretto contatto con Ryanair e le autorità spagnole nelle indagini”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi