Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Russia, nello spot pro-Putin un attacco ai gay: “È questo il Paese che volete?” | VIDEO

Russia, nello spot pro-Putin un attacco ai gay: “È questo il Paese che volete?”

Un controverso spot contro le adozioni gay è stato pubblicato online in Russia, sollevando un’ondata di polemiche per il suo messaggio omofobo. Il filmato è stato pubblicato in vista del referendum confermativo del 1° luglio, quando i cittadini russi voteranno sulla riforma costituzionale che permetterà a Vladimir Putin di restare presidente fino al 2036.

Lo spot mostra un bambino che vive in un orfanotrofio russo ed è felice di essere stato adottato, mentre esce sorridente tenendo per mano il suo nuovo papà. Il bambino poi si intristisce quando scopre che ad adottarlo è stata una coppia gay. Il filmato mostra un altro uomo, pesantemente truccato, che gli regala un vestitino da bambina sotto lo sguardo sconvolto delle educatrici. Poi si sente una voce fuori campo che dice: “È questa la Russia che volete? Decidete il futuro del Paese, votate gli emendamenti alla Costituzione”.

Il riferimento alle adozioni gay riguarda l’ipotetico scenario che si potrebbe verificare nel caso in cui la Russia non accogliesse la proposta di emendamento all’articolo 72 della Costituzione, che definisce il matrimonio come un’unione “tra un uomo e una donna”. A passare è il messaggio che se i russi non vogliono che i gay possano adottare bambini, dovranno votare a favore della riforma costituzionale. “Gli uomini di Putin sono andati completamente fuori di testa sul tema dell’omosessualità”, ha commentato su Twitter l’oppositore Alexei Navalny.

Il video è stato realizzato dalla Federal News Agency e dal gruppo Patriot, due società considerate legate a Yevgeny Prigozhin, controverso uomo d’affari russo, imprenditore del settore della ristorazione e vicino al Cremlino, tanto da essere soprannominato “lo chef di Putin”. Prigozhin è sottoposto a sanzioni americane per i suoi presunti tentativi di influenzare le presidenziali Usa del 2016, ed è ritenuto legato alla “fabbrica dei troll” che riempie il web di fake news.

Il referendum per le riforme costituzionali era fissato inizialmente per il 22 aprile, ma è slittato al primo luglio a causa della pandemia di Coronavirus, che ha colpito anche la Russia. La riforma cancella di fatto il limite di due mandati presidenziali consecutivi e potrebbe restare in carica fino al 2036.

Leggi anche: Attivista Lgbt uccisa a San Pietroburgo: “C’è una lista con dei nomi da far fuori e la polizia russa non fa nulla”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto