Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sparatoria in una scuola in Russia: almeno otto vittime

Immagine di copertina

Sparatoria in una scuola in Russia: almeno otto vittime

Almeno otto persone sono state uccise in una sparatoria avvenuta stamattina in una scuola della città russa di Kazan. Lo hanno dichiarato le autorità locali, secondo cui almeno 16 persone sono rimaste ferite nell’attacco alla scuola numero 175 della capitale della repubblica russa del Tatarstan.

Rustam Minnikhanov, presidente del Tatarstan, ha dichiarato che nell’attacco hanno perso la vita sette studenti di scuola media, mentre 12 bambini e quattro adulti sono attualmente in cura in ospedale. Il comune di Kazan ha poi dichiarato che anche un’insegnante è morta nell’attacco alla scuola, portando a otto vittime il bilancio dell’attacco. In precedenza le principali agenzie di stampa russe avevano riportato un bilancio di almeno 11 vittime, alcune delle quali studenti che avevano tentato di fuggire lanciandosi dalla finestra, come mostrato in alcuni filmati circolati sui social media.

Durante la visita alla scuola numero 175 di Kazan, Minnikhanov ha detto che le forze di sicurezza hanno arrestato un “terrorista” di 19 anni, titolare di un porto d’armi che gli sarebbe stato rilasciato a fine aprile. La portavoce dell’ufficio del presidente del Tatarstan ha poi smentito la presenza di un secondo attentatore, come riportato in precedenza dalla stampa. Una fonte citata dall’agenzia russa Interfax aveva affermato che l’uomo sarebbe stato ucciso in uno scontro a fuoco al quarto piano dell’istituto.

Le autorità locali hanno dichiarato che sono state rafforzate le misure di sicurezza in tutte le istituzioni educative di Kazan, che si trova circa 700 chilometri a est di Mosca.

Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e ha ordinato al governo di rivedere le norme sulle armi. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov ha affermato che Putin ha chiesto al capo della Guardia nazionale di preparare “con urgenza” nuove norme sui tipi di armi che possono essere detenute da civili.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)