Covid ultime 24h
casi +16.232
deceduti +360
tamponi +364.804
terapie intensive -55

Rousseff non andrà a Washington

La presidente del Brasile annulla la visita negli Stati Uniti dopo le recenti rivelazioni del Datagate

Di Laura Lisanti
Pubblicato il 18 Set. 2013 alle 10:44 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:02
0
Immagine di copertina

Dilma Roussef, la presidente del Brasile ha annullato la visita negli Stati Uniti prevista per ottobre.

Il motivo del ritiro dall’incontro di Stato è il rapporto della NSA, l’Agenzia Nazionale di Sicurezza statunitense, nel quale si rivelano intercettazioni sulle comunicazioni private della Roussef e del suo collega messicano, il presidente Enrique Pena Nieto.

Nemmeno la telefonata di Obama è riuscita a far cambiare idea alla presidente brasiliana.

In una dichiarazione ufficiale si legge: “i due presidenti hanno deciso di posporre la visita di Stato poiché l’intento della visita non deve essere condizionato da una questione che per il Brasile non è stata risolta in maniera soddisfacente.” Ci si riferisce chiaramente alle intercettazioni della NSA.

La Casa Bianca e l’Ufficio presidenziale di Roussef hanno entrambi specificato che si tratta solo di un rinvio a data da destinarsi.

Il viaggio ufficiale della presidente brasiliana avrebbe avuto lo scopo di creare un accordo per l’acquisto di 36 F-18, jet da combattimento della Boeing, e per coordinare le esplorazioni per il petrolio e i biocarburanti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.