Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rifugiati a Manus Island

Immagine di copertina

L'UNHCR denuncia il maltrattamento dei rifugiati respinti dall'Australia nel centro di accoglienza della Papua Nuova Guinea

Le Nazioni Unite lanciano un nuovo allarme per l’accordo tra Australia e Papua Nuova Guinea sull’insediamento dei migranti richiedenti asilo. L’Alto Commissariato per i Rifugiati ha diffuso stamattina una nota in cui dichiara la preoccupazione della comunità internazionale per il benessere e la salvaguardia dei rifugiati che provano a raggiungere l’Australia.

L’intesa raggiunta nel 2012 tra il Primo Ministro australiano Kevin Rudd e il Primo Ministro della Papua Nuova Guinea Peter O’Neill prevede che i migranti diretti verso l’Australia siano respinti verso i centri di accoglienza di Manus Island in Papua Nuova Guinea o verso le altre isole del Pacifico. Il governo australiano non ha posto un limite massimo ai rinvii che possono essere effettuati. I migranti devono presentare richiesta d’asilo alla Papua Nuova Guinea e anche se idonei non possono stabilirsi in Australia, ma sono costretti a restare nell’isola. 

Riguardo alle nuove misure, l’UNHCR è preoccupata per l’assenza di adeguati standard di protezione per i richiedenti asilo e i rifugiati. Il Patto per l’Insediamento Regionale del governo australiano solleva domande serie che fino ad ora non hanno ricevuto risposta.” si legge nella dichiarazione dell’agenzia delle Nazioni Unite.

Le preoccupazioni seguono le denunce di abusi e maltrattamenti avvenuti nel centro d’accoglienza di Manus Island, nonché una recente visita dell’Alto Commissario per i Rifugiati. L’ex capo della sicurezza Rod St George ha segnalato episodi di violenze sessuali, tentato suicidio e autolesionismo tra gli ospiti del centro.

Ma secondo il ministro australiano per l’immigrazione Tony Burke, questa versione dei fatti non corrisponde alla realtà. In seguito alla breve ispezione che ha condotto giovedi a Manus Island, il ministro ha dichiarato che non c’è nessun motivo per cui il centro non possa ampliare la capacità di accoglienza dei richiedenti asilo, in quanto gli standard minimi di benessere sono rispettati. Saranno trattate oltre 3000 domande mensili.

In Papua Nuova Guinea intanto si propone un’azione legale per la revoca del patto con l’Australia. Il leader dell’opposizione Belden Namah ha detto ad Al Jazeera che l’accordo è contrario alla Costituzione della Papua Nuova Guinea e alla Convenzione ONU sui Rifugiati

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo