Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Spagna, in migliaia in piazza a Madrid contro il premier Sanchez

Immagine di copertina
Manifestanti in piazza Colon a Madrid

I partiti di destra hanno organizzato la manifestazione nella capitale spagnola e hanno accusato il premier di aver tradito il paese aprendo al dialogo con i separatisti catalani

Più di 40mila cittadini spagnoli sono scesi in strada a Madrid il 10 febbraio 2019 per protestare contro il premier spagnolo: le proteste sono state organizzate dai partiti di destra, che vanno da Ciudadanos fino a Vox.

I manifestanti si sono schierati contro la decisione di Sanchez di avviare un dialogo con il governo catalano per cercare di migliorare le relazioni tra la Comunità autonoma e Madrid, ancora tese dopo il tentativo di indipendenza della Catalogna.

Secondo il Partito popolare e Ciudadanos la nomina di un intermediario per i colloqui con i separatisti proposto dal premier equivale a un tradimento. Gli indipendentisti hanno però respinto l’offerta, chiedendo un nuovo voto per l’indipendenza della Comunità.

Alla protesta hanno preso parte anche gruppi di estrema destra, tra cui Vox, il cui slogan è: “Per una Spagna unita. I manifestanti hanno riempito la piazza Colon della capitale spagnola e le strade vicine: secondo i dati diffusi dalla polizia hanno preso parte alle proteste 45mila persone.

I manifestanti si sono espressi contro l’offerta al dialogo avanzata dal governo centrale ai separatisti catalani e la nomina di un intermediario, chiedendo anche che siano presto indette nuove elezioni.

Il leader del Partito popolare, Pablo Casado, ha accusato il premier Sanchez di essersi arreso agli indipendentisti e ha affermato che “il suo tempo è ormai finito”.

Per tutta risposta, il premer Sanchez ha ricordato che il suo partito è stato sempre dalla parte del dialogo e che stava cercando di risolvere una crisi creata proprio dal PP e dall’ex premier Rajoy.

Tuttavia, la proposta avanzata dal governo centrale è stata respinta dagli indipendentisti, che vogliono un nuovo voto sul futuro della Catalogna. La vicepresidente del Consiglio, Carmen Calvo, ha dichiarato che la situazione è “bloccata”, perché le richieste separatiste per un nuovo referendum sull’indipendenza sono “inaccettabili”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”