Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il primo ministro irlandese si è dimesso da leader del suo partito

Immagine di copertina

Enda Kenny lascerà la guida del Fine Gael entro il 2 giugno e sarà sostituito dal suo successore anche al governo

Il primo ministro irlandese Enda Kenny è pronto a rassegnare le sue dimissioni da leader del partito Fine Gael. Dalla mezzanotte del 18 maggio, Kenny cederà il suo posto a uno dei due sfidanti: entrambi attuali ministri del governo che competono per guidare il partito alle prossime elezioni.

Kenny aveva già annunciato che non sarebbe stato il candidato del partito alle elezioni e ha ora fatto sapere che rimarrà primo ministro fino a che non verrà deciso il nuovo leader del partito in una competizione che dovrà terminare entro il 2 giugno.

Enda Kenny ricopre il ruolo di primo ministro dal 2011 ed è leader del Fine Gael da 15 anni. Il favorito per la successione è il ministro per il Sociale Leo Varadkar, 38enne. Il suo sfidante è il ministro per la Casa Simon Coveney, 44 anni.

“Vorrei sottolineare l’immenso onore e privilegio che ho avuto di guidare il nostro partito per gli ultimi 15 anni, all’opposizione e al governo in due occasioni successive”, ha dichiarato Kenny.

Secondo gli ultimi sondaggi, il Fine Gael è leggermente dietro ai rivali del Fianna Fail e una nuova leadership sperano possa ravvivare il partito agli occhi degli elettori.

Chiunque vinca la sfida tra i due contendenti del Fine Gael prenderà il posto di primo ministro e sarà soggetto al voto parlamentare, almeno fino al giorno delle elezioni. Il Fianna Fail ha deciso, nel 2016, di astenersi nei voti cruciali permettendo alla ristretta maggioranza di governo di andare avanti fino alla sua scadenza naturale nel 2018.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda