Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Politica e affari in Russia

Un imprenditore e politico di successo russo è stato trovato morto in un barile di cemento, probabilmente in seguito a dei debiti non pagati

Di Michele Teodori
Pubblicato il 19 Feb. 2013 alle 19:00 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:29
0
Immagine di copertina

Politica e affari in Russia

Il corpo di Mikhail Pakhomov, politico russo di 36 anni, è stato trovato rinchiuso in un barile pieno di cemento nel distretto di Noginsky.

L’ex membro del consiglio comunale di Lipetsk era scomparso la settimana scorsa, quando, secondo la ricostruzione dei testimoni, tre uomini non identificati lo spinsero in una macchina fuori da un ristorante per poi fuggire via.

Pakhomov era conosciuto come un imprenditore di successo ed era un membro di Russia Unita, il partito che sostiene il presidente Vladimir Putin.

Omicidi e rapimenti non sono rari nel mondo degli affari in Russia, anche se sono associati con i più turbolenti anni Novanta. La polizia ha arrestato otto uomini tra cui Evgenij Kharitonov, sospettato di essere il mandante del rapimento di Pakhomov, presumibilmente per un debito di 60 milioni di euro. Kharitonov è un ex funzionario del governo regionale di Mosca.

Leggi Londongrad

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.