Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Pechino e il petrolio iracheno

Immagine di copertina

La Cina sembra essere il maggior beneficiario della guerra in Iraq, ma i suoi investimenti possono aiutare a stabilizzare il Paese

La Cina sembra essere il principale beneficiario della guerra in Iraq. È quanto hanno scritto Tim Arango e Clifford Krauss sul New York Times domenica scorsa. Dal 2003 l’Iraq è diventato uno dei produttori di petrolio più importanti del mondo e la Cina è ora il suo più grande cliente, comprando quasi la metà dei più di 3 milioni di barili estratti ogni giorno nel Paese.

Michael Makovsky, un ex funzionario del Dipartimento della Difesa nell’amministrazione Bush che ha lavorato sulla politica petrolifera irachena, ha detto che “I cinesi dal punto di vista economico stanno beneficiando della guerra, e il nostro esercito sta contribuendo a garantire le loro forniture di petrolio.” Attualmente l’Iraq è il secondo produttore di petrolio dell’Opec dopo l’Arabia Saudita, ma il governo iracheno ha bisogno di investimenti pari a 22,8 miliardi di euro l’anno per raggiungere i suoi obiettivi di estrazione.

Per accedere alle immense riserve petrolifere irachene le imprese statali cinesi hanno colto l’occasione della caduta di Saddam e hanno investito più di 1,5 miliardi di euro l’anno e hanno trasferito centinaia di lavoratori in Iraq. Nel deserto vicino al confine con l’Iran, la Cina ha recentemente costruito un proprio aeroporto per portare la manodopera nei campi petroliferi nel sud dell’Iraq, e ci sono piani per iniziare voli diretti da Pechino e Shanghai verso Baghdad.

Max Fisher del Washington Post sottolinea i vantaggi dell’attività economica cinese in Iraq per gli Stati Uniti: gli investimenti in Iraq riducono ad esempio la dipendenza cinese dal petrolio iraniano, rendendo più plausibile la possibilità di sanzioni contro il regime degli ayatollah, in particolare riguardo al programma nucleare. Allo stesso tempo, l’interesse della Cina in Iraq potrebbe anche contribuire a stabilizzare il Paese che si trova ad affrontare un conflitto settario in crescita. Pechino sta pagando la sua fame di petrolio con la costruzione di infrastrutture.

La Cina recentemente è diventata il più grande importatore di petrolio al mondo e sta investendo senza riserve nell’estrazione di petrolio e gas. Oltre il 50 per cento delle sue importazioni provengono dal Medio Oriente.

Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati