Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Partorire in Congo

Immagine di copertina

Le violenze nell'est del Paese colpiscono gravemente il sistema sanitario. Le madri sono la categoria più a rischio

La maternità nella Repubblica Democratica del Congo è un’esperienza drammatica per tutte le donne lontane dai pochi centri di assistenza sanitaria presenti nel Paese.

Le cliniche gestite dal governo e i campi di assistenza umanitaria sono sempre più in difficoltà a causa del conflitto interno tra le truppe governative e i ribelli congolesi che dal 1998 ha causato circa 6 milioni di vittime.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2013 in Congo sono morte circa 21mila donne a causa delle complicazioni avute durante la gravidanza e il parto per via del mancato ricevimento di cure adeguate e tempestive.

In Congo si registra uno dei tassi di mortalità materna più alti al mondo, con 846 madri decedute su 100mila parti avvenuti in un anno. Ogni donna ha in media 6 figli. Inoltre, 58 bambini su mille muoiono durante il primo anno di vita.

Le strutture che si prendono cura delle donne in gravidanza sono un facile bersaglio per i gruppi armati che colpiscono nell’est del Paese, soprattutto in villaggi lontani dalle città e nelle zone rurali.

Cliniche come quella di Lukweti, gestita da Medici Senza Frontiere nel nordest del Paese, vengono costantemente saccheggiate. Medici e operatori sanitari vengono costretti alla fuga.

I dati delle Nazioni Unite e di Medici Senza Frontiere mostrano che in Congo è attivo soltanto un dottore ogni 10mila abitanti e quasi nessuno di questi opera nelle zone rurali.

Da sapere

Le basi: la Repubblica Democratica del Congo è uno stato dell’Africa centrale confinante con Angola, Zambia, Repubblica Centrafricana, Ruanda, Burundi, Tanzania, Sud Sudan e Repubblica del Congo. Si affaccia sull’Oceano Atlantico. È uno dei più grandi produttori di cannabis nel continente africano.

 

I dati: In Congo vivono più di 77 milioni di persone. Il 71 per cento della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. I rifugiati interni sono 2 milioni e 600mila.

Quelli provenienti dal Ruanda sono 43mila, mentre dal Burundi e dalla Repubblica Centrafricana provengono rispettivamente 10mila e 56mila profughi. Il 68 per cento della popolazione ha accesso a strutture igienico sanitarie di base. (Fonte: Cia Factbook 2013)

Lingue e Religioni: il francese è la lingua ufficiale, ma si parlano anche il Lingala e il Kingwana. Il 50 per cento della popolazione è di religione cattolica, il 20 per cento è protestante. I gruppi etnici più numerosi sono quelli Mongo, Luba, Kongo e Mangbethu-Azande.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"
Esteri / Al Sisi: sui diritti umani “non accettiamo diktat europei”
Esteri / Come agisce il "sistema di terrore" della National Security Agency egiziana
Esteri / Cosa si può fare per cambiare in meglio Facebook