Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Spagna, Pablo Casado è il nuovo presidente del Partito Popolare, succede a Rajoy

Immagine di copertina
Pablo Casado

Casado ha battuto Soraya Saenz de Santamaria nel voto dei delegati del XIX Congresso anticipato del partito, che si è svolto a Madrid

Pablo Casado è il nuovo presidente del Partito Popolare spagnolo. Casado ha battuto l’ex vicepremier Soraya Saenz de Santamaria nel voto dei delegati del XIX Congresso anticipato del partito, che si è svolto a Madrid.

Casado, 37 anni, succede a Mariano Rajoy, che si è dimesso dalla carica di premier della Spagna, in seguito alla mozione di sfiducia presentata in parlamento dal Partito socialista, il PSOE lo scorso giugno, rinunciando anche alla presidenza del Partito Popolare.

“Nessuno ha perso, ha vinto il Pp, avete vinto tutti”, sono state le prime parole di Pablo Casado da presidente. “Comincia una nuova tappa, il Partito Popolare viene da settimane molto dure. Non vogliamo che il nostro lavoro vada perduto: vogliamo ritrovare la base elettorale e la nostra identità”, ha aggiunto.

Casado è considerato un rappresentante dell’ala destra del Partito Popolare. La sua elezione è anche segno della volontà del partito di rinnovarsi puntando su un leader giovane, di appena 37 anni.

Il caso Gurtel

La mozione di sfiducia a Rajoy aveva fatto seguito alla sentenza della Corte spagnola per il caso Gurtel,  l’inchiesta iniziata nel 2007 e che ha portato alla luce una rete di corruzione legata al PP.

La Audiencia Nacional di Madrid ha infatti condannato a 33 anni l’ex tesoriere del Partito Popolare Luis Barcenas, a 15 anni sua moglie Rosalia Iglesias e a 51 anni Francisco Correa, che gestiva la “caja B”, i fondi neri destinati al PP.

Il Partito popolare è stato condannato al pagamento di 240mila euro, mentre l’accusa per l’imprenditore Correa è quella di aver distribuito dal 1999 al 2001 tangenti e favori per l’aggiudicazione degli appalti.

In cambio, Correa otteneva fondi che sono stati utilizzati in parte per finanziare una cassa nascosta del PP e in parte spostati sui conti svizzeri intestati a Barcenas.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo