Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cosa c’entra la Corea del Nord con la chiusura di uno dei più popolari ostelli di Berlino

Immagine di copertina

Il governo tedesco ha deciso di chiudere l'attività per adeguarsi alle sanzioni imposte al regime di Pyongyang dalle Nazioni Unite

Si chiama City Hostel Berlin e si trova nella parte orientale della capitale tedesca che un tempo era sotto il controllo sovietico. È un ostello molto popolare su siti come Trip Advisor e Yelp, ma ha una particolarità: si trova vicino all’ambasciata nordcoreana in un edificio di proprietà del governo di Pyongyang.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

A partire dal 2000 ha rappresentato un’importante entrata economica per la famiglia di Kim Jong-un, dato l’affitto mensile di 38mila euro che un imprenditore ha pagato per utilizzare la struttura. Il governo tedesco ha deciso per la sua chiusura in linea con le sanzioni richieste dalle nazioni Unite contro il regine asiatico per il suo programma nucleare.

Martin Schäfer, portavoce del ministero degli Esteri tedesco, ha precisato che l’operazione è stata decisa per adeguarsi alla richiesta di cessare i rapporti commerciali con la Corea del Nord. 

Pyongyang aveva acquisito lo stabile subito dopo la fine della guerra fredda per ospitare i diplomatici in visita nel paese. La struttura era poi diventata un punto di riferimento per i giovani viaggiatori in visita a Berlino. Soggiornare nell’ostello può costare dai 17 ai 59 euro per una sistemazione in una stanza singola.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia