Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ostacoli al processo di pace

Immagine di copertina

Il ministro del Lavoro israeliano ha dichiarato che l'idea di uno Stato palestinese è inutile e priva di senso

L’idea di uno Stato palestinese e quindi di una soluzione al conflitto mediorientale è ancora molto lontana. Naftali Bennett, ministro israeliano del Lavoro e del Commercio e leader del partito nazionalista religioso ‘Focolare ebraico’ ha escluso queste possibilità.

“Mai così tanta gente ha investito tanta energia in qualcosa di così inutile”, ha dichiarato Bennett. Le dichiarazioni arrivano poco dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito il suo sostegno al segretario di Stato americano John Kerry che sta cercando di ristabilire dei negoziati con i palestinesi.

E proprio in vista di una nuova missione di pace di Kerry nella regione, Bennett ha dato il via alla nuova polemica: “L’idea di uno Stato palestinese ha raggiunto un punto morto ed è priva di senso”. Queste ultime dichiarazioni sono state registrate dall’Autorità nazionale palestinese e in particolare dal capo negoziatore Saeb Erekat come “la proclamazione della morte della soluzione dei due Stati”.

Erekat ha sottolineato che “Diverse personalità politiche israeliane hanno fatto dichiarazioni apertamente contrarie alla soluzione dei due Stati basata sui confini del 1967. Questi non sono fatti isolati ma sono la conferma di una piattaforma politica basata su idee estremiste”.

“Oggi – ha aggiunto Bennett – 400 mila israeliani vivono in Giudea e Samaria e altri 250 mila a Gerusalemme est. Circa il 10 per cento degli israeliani vivrebbe dentro i confini di un eventuale Stato palestinese. Una soluzione impossibile”.

Così, Bennett propone la sua idea: “La cosa più importante per la terra d’Israele è costruire, costruire e costruire. Gli israeliani devono espandersi”.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica