Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ondata di violenza

Immagine di copertina

Oltre 70 i morti causati da bombe e sparatorie tra sabato e domenica, in un'impennata di violenza iniziata con il mese di Ramadan

Attentati e sparatorie in Iraq hanno ucciso 13 persone nella giornata di ieri. Il numero di morti è salito oltre i 70 dopo un’onda coordinata di autobombe nella tarda notte di sabato. La dimensione della carneficina è diventata più chiara quando la polizia ha riferito che un totale di 12 autobombe sono esplose nella città di Baghdad. Sono stati segnalati più di 125 feriti.

Le esplosioni di questo fine settimana sono state le ultime di una implacabile impennata di violenza nel bagno di sangue che ha scosso l’Iraq dall’inizio del mese del Ramadan lo scorso 10 luglio.

Le esplosioni di sabato sera sono avvenute dopo il tramonto durante il pasto “Iftar”, che rompe il quotidiano digiuno di Ramadan . Durante il mese sacro a quell’ora le strade sono spesso piene di gente, suggerendo che gli attentatori volevano colpire il maggior numero possibile di civili.

Non c’è stata alcuna rivendicazione di responsabilità per gli ultimi attacchi, anche se gli attentati coordinati contro gli sciiti sono la tattica preferita del ramo iracheno di al-Qaeda.

Le tensioni settarie in Iraq tra sciiti e sunniti sono state acuite dalla guerra civile nella vicina Siria, che ha portato sciiti e sunniti a combattere su fronti opposti del conflitto.

Il presidente del parlamento iracheno Osama al-Nujaifi ha esortato le forze di sicurezza a non rinunciare alla loro lotta contro gli estremisti violenti, mentre ha chiesto che facciano di più per garantire la sicurezza. Al-Nujaifi è un sunnita spesso critico del primo ministro sciita, Nuri al-Maliki.

“Condanniamo con forza gli attacchi malvagi e criminali che hanno colpito il nostro popolo”, ha detto. “Questi attacchi sono parte degli sforzi efferati che mirano a innescare disordini e conflitti settari”.

Più di 450 persone sono state uccise finora questo mese, di cui almeno 284 da quando è iniziato il Ramadan, secondo un conteggio dell’Associated Press.

Ti potrebbe interessare
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: si temono 14 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggradisce una donna su un bus | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: si temono 14 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggradisce una donna su un bus | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva