Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Morire d’aborto in Europa nel 2021: la storia di Iza dall’assurdo medioevo in cui è sprofondata la Polonia

Immagine di copertina

Izabela aveva 30 anni ed era incinta di 22 settimane, soltanto l’interruzione di gravidanza avrebbe potuto salvarle la vita ma i medici hanno atteso che il feto morisse spontaneamente. Così è morta lei, di sepsi. L’incredibile storia dalla Polonia, dove la legge sull’aborto ha riportato il Paese indietro di decenni

Prima dintervenire i dottori hanno aspettato che il bimbo che portava in grembo morisse, naturalmente. Perché in Polonia questo prevede la legge: prima dindurre il parto o procedere col raschiamento dellutero, bisogna aspettare. Anche la prima figlia e il marito di Izabela aspettavano che lei uscisse dallospedale. Anche Iza aspettava. Che il suo bambino morisse naturalmente”. Distesa nel lettino, vigile e consapevole, a furia di aspettare poi è morta anche lei.

Aveva trentanni ed era incinta di ventidue settimane. Il 21 settembre è entrata nellospedale di Pszczyna, una cittadina tra le campagne della Slesia, nella Polonia meridionale. Si è presentata perché perdeva liquido amniotico. Dopo alcuni controlli le hanno diagnosticato una malformazione fetale e le hanno detto che il bimbo che aveva in grembo sarebbe morto. Nonostante questo, nessuno le ha indotto il travaglio né effettuato il raschiamento dellutero fino a quando il battito cardiaco del feto non s’è arrestato. È stato proprio durante quella straziante attesa che nel corpo di Iza si è fatta largo uninfezione che lha uccisa. «Uno shock settico», hanno detto in ospedale.

Di Izabela oggi restano i messaggi inviati col cellulare ai familiari mentre era ricoverata. In un sms pubblicato dalla tv polacca Tvn, Iza scrive a sua madre: «Il bambino pesa 485 grammi, per lui non c’è niente da fare. E nemmeno io posso fare niente, per via della legge sullaborto, mi hanno detto che devo sdraiarmi e basta, aspettando che muoia da solo. Non conosco i tempi, non so cosa mi succederà». Ventiquattrore dopo linvio, Izabela è morta….

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre