Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Migranti, i morti del naufragio in Tunisia sono più di 50

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 10 Giu. 2020 alle 21:59 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 08:05
955
Immagine di copertina

Il bilancio del naufragio al largo della Tunisia di un’imbarcazione con a bordo migranti dell’Africa subsahariana e diretti in Italia si è aggravato e ammonta a 52 vittime. Lo ha detto un funzionario della sanità, dopo che sono stati recuperati altri 17 corpi. Fra le vittime, ci sono almeno 24 donne. La marina e la guardia costiera hanno impiegato sommozzatori e un elicottero per cercare i corpi, molti dei quali sono stati trovati nella stessa zona, ha detto il portavoce del tribunale di Sfax. Oggi si sono svolte alcune sepolture, ha detto il direttore sanitario della regione di Sfax che ha spiegato che alle vittime sono stati prelevati campioni di Dna nella speranza di dare un nome alle persone sepolte in tombe numerate.

Almeno una persona è ancora dispersa. Fra le vittime, il capitano dell’imbarcazione, un tunisino di 48 anni. I testimoni avevano detto alle autorità che le vittime si pensava fossero passeggeri di un battello partito una settimana fa per l’Italia con 53 persone a bordo. È stata avviata un’indagine per identificare gli organizzatori del viaggio.

Nel mese di maggio la guardia costiera tunisina ha bloccato 1.243 persone pronte a salpare illegalmente – prosegue Ben Amor, il 68 per cento delle quali di origine subsahariana e il 32 per cento tunisina. Numeri che non si registravano così alti dal 2011/2012. L’agenzia dell’Onu per i rifugiati Unhcr ieri ha dichiarato in una nota che tra gennaio e maggio di quest’anno, “le partenze via mare dalla Tunisia verso l’Europa sono state quattro volte superiori a quelle registrate nello stesso periodo dell’anno scorso”. Secondo il ministero dell’Interno tunisino, nei primi cinque mesi di quest’anno 2.226 persone sono state intercettate mentre tentavano di partire via mare. Molti africani subsahariani sono arrivati in Tunisia dalla Libia dopo  l’aprile dell’anno scorso, quando il generale Khalifa Haftar ha lanciato una campagna fallita per conquistare la capitale Tripoli.

“Sono profondamente rattristato nel sentire che donne e bambini hanno perso la vita in quei viaggi pericolosi”, ha detto il rappresentante dell’Unhcr per la Tunisia Hanan Hamdan nel comunicato, esprimendo preoccupazione per la nuova tendenza delle partenze. “Dobbiamo fornire alle persone alternative significative che possano prevenire scelte estreme nella ricerca di una vita migliore”, ha aggiunto Hamdan.

Leggi anche: 1.  Migranti, sbarchi in Italia: dati alla mano, ecco come stanno davvero le cose  / 2. Se l’Europa apre gli occhi sui migranti grazie a Salvini

955
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.