Los Angeles, uomo disabile strattonato giù dalla sedia a rotelle e arrestato | VIDEO

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 16 Lug. 2020 alle 19:39
794

Una protesta pacifica che si è trasformata in violenza gratuita. Le immagini di quello che è successo mercoledì  15 luglio negli Stati Uniti, davanti al quartier generale della polizia di Los Angeles sono testimoniate dalle Stories Instagram di Active Advocate, un’associazione che – si legge nella mission – lavora per diffondere consapevolezza sulle problematiche dell’attualità avallandole con gesti di attivismo per ispirare i propri sostenitori ad “ragionare consapevolmente e agire”.

Nella giornata di giovedì un ridotto gruppo di manifestanti hanno raggiunto il quartier generale del LAPD e hanno iniziato a scandire slogan in sostegno del movimento Black Lives Matter e contro le azioni violente della polizia. Come si vede nei documento video, gli agenti hanno dapprima fermato alcune persone; poi, schierati in numero sempre maggiore, si sono avvicinati minacciosi ai manifestanti più vicini al palazzo della polizia di LA.

Quindi l’aggressione a un uomo disabile: come si vede nel video, viene fatto cadere dalla sedia a rotelle, strattonato e malmenato quando è a terra, mentre la sua sedia viene distrutta da altri agenti. L’uomo – identificato solo con il nome di battesimo, Joshua – è poi stato arrestato, insieme ad altre persone che stavano protestando con lui: l’associazione ha lanciato una raccolta fondi online per chiedere e ottenere la sua liberazione di Joshua e gli altri.

Leggi anche: 1. Usa, afroamericano fermato dalla polizia muore soffocato: agenti licenziati | VIDEO / 2. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa

3. Derek Chauvin, cosa sappiamo sul poliziotto che ha ucciso l’afroamericano George Floyd / 4. Chicago, dove si spara ogni due ore e ci sono due morti al giorno: il reportage di TPI / 5. Essere un nero in America è ancora una sentenza di morte (di V. Montaccini)

794
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.