Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Eni o Regeni? L’Italia torna a bussare ad al-Sisi per il gas. Letta: “Sia fatta prima giustizia”  

Immagine di copertina

Dopo l’accordo firmato lunedì scorso da Draghi con l’Algeria, l’Italia è tornata a bussare anche all’Egitto per diversificare le sue fonti d’approvvigionamento di gas naturale, nella ricerca di una maggiore autonomia dal gas russo. In una nota Guido Brusco, direttore generale Natural Resources di Eni, ha fatto sapere di aver firmato un nuovo accordo con il presidente di Egas, Magdy Galal, che permetterà al nostro Paese di usufruire complessivamente di 3 miliardi di metri cubi di gas liquido egiziano nel 2022.

L’accordo con il Cairo tuttavia porta con sé anche problemi di natura politica. Le critiche più dirette sono arrivate dal segretario PD Enrico Letta, che si è detto “molto dubbioso” sull’accordo, in particolare dopo i contrasti tra le autorità giudiziarie dei due Paesi in merito al caso Regeni (qui gli ultimi aggiornamenti). Il governo egiziano infatti si è sempre rifiutato di collaborare nelle indagini per scoprire gli assassini del giovane ricercatore, ma gli inquirenti italiani non si sono rassegnati e piano piano sono riusciti a risalire a nomi, numeri di tesserini, date di nascita e finalmente anche ai volti dei sequestratori, torturatori e assassini di Giulio Regeni.

Nel corso dell’ultima udienza del processo contro i quattro membri della National Security Agency del Cairo accusati della morte del ricercatore, la Corte di Assise di Roma ha deciso per una nuova sospensione a causa della mancata iscrizione a domicilio degli imputati dopo che le autorità nordafricane si sono rifiutate di collaborare nel fornire i loro indirizzi, una forma di ostruzionismo mascherato da formalismo giuridico. Letta ha sottolineato che si tratta di una vicenda che ormai va oltre la drammaticità della singola vicenda personale, divenuta oggi simbolo della necessità di difendere i diritti umani e fare giustizia.

 

 

Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Economia / Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”
Economia / Bonus 200 euro, si allarga la platea: andrà anche a disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza
Cronaca / Elon Musk sospende “temporaneamente” l’offerta per Twitter
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Economia / Criptovalute e NFT: il punto sulle regolamentazioni di Criptovaluta.it della Alessio Ippolito S.r.l.
Cronaca / Bonus 200 euro anche a disoccupati, colf e percettori del reddito di cittadinanza