Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le insidie del multitasking

Immagine di copertina

Passare da una pagina web all’altra ci fa lavorare peggio. E ci rende anche più insensibili

La Stanford University ha studiato l’impatto sociale del multitasking, ovvero passare con dei click nervosi da una pagina all’altra.

Apriamo Word, diamo un’occhiata a Facebook, cinguettiamo su Twitter. Controllata la mail? Bisogna finire il lavoro per domani, però se metto una canzone di Youtube come sottofondo non succede nulla, anzi mi concentro. Ecco, questo è quello che succede a chi è affetto da multitasking cronico.

Il professor Clifford Nass e la sua ricerca hanno dimostrato che passare continuamente da una pagina web all’altra rende peggiori studenti, lavoratori, dirigenti e certamente delle persone meno sensibili.

Come si legge su The Week, per sapere quale impatto possa avere il multitasking cronico sulla vita degli studenti, Nass ha fatto un esperimento con 262 giovani universitari e ha chiesto loro di completare tre incarichi che hanno messo alla luce tre aspetti del multitasking: i giovani sono passati da un incarico all’altro velocemente e hanno filtrato le informazioni irrilevanti, il tutto utilizzando il “lavoro memoria”, ovvero un aspetto della memoria a breve termine che permette di contenere più pezzi di informazioni nella vostra mente.

Il risultato è stato scoraggiante.“Le persone che soffrono di multitasking cronico mostrano una gamma enorme di deficit: fondamentalmente sono terribili nel risolvere tutti i tipi di compiti cognitivi,” ha spiegato Nass.

Le persone stentano a capire quali informazioni sono rilevanti e quali non lo sono, e hanno problemi di memoria. C’è di più: hanno un’ intelligenza emotiva poco sviluppata, che li spinge a non prestare attenzione ai loro professori oppure ai loro superiori. Una vera e propria crisi delle interazioni sociali.

Questi ragazzi “preferiscono ritirarsi nei comfort di un sms, piuttosto che creare un potenziale legame emotivo con una persona reale”, ha concluso Nass. Una situazione fin troppo familiare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / In Colombia la polizia sta massacrando le popolazioni indigene che protestano contro il governo
Esteri / Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini”
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / In Colombia la polizia sta massacrando le popolazioni indigene che protestano contro il governo
Esteri / Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini”
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Esteri / Autismo, Elon Musk rivela: “Ho la sindrome di Asperger”
Esteri / “Ho paura ma tornerò a studiare”: il coraggio di Arifa, la studentessa di 17 anni sopravvissuta alla strage di Kabul
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Esteri / Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti