Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le dimissioni di Annette Schavan

Immagine di copertina

La Ministra Schavan si dimette: l'implacabile rigore tedesco

Le dimissioni di Annette Schavan

Per Angela Merkel e il suo esecutivo non c’è pace. La Cancelliera ha perso anche uno dei suoi ministri a lei più vicini: Annette Schavan (CDU), Ministro dell’Istruzione. Dopo due presidenti della Repubblica, un Presidente della Bundesbank e più di un ministro, in Germania non sembra finire più la serie di dimissioni di questa legislatura che si avvia, ormai, alla conclusione.

Così come il Ministro della Difesa Karl Theodor zu Guttenberg (CSU), anche per Schavan l’accusa è di plagio per la sua tesi di dottorato – scritta nel 1980! Anche a distanza di oltre trent’anni, non si sfugge all’implacabile rigore tedesco.

Le dimissioni di Schavan rappresentano un piccola rivincita per zu Guttenberg che al tempo del suo scandalo fu attaccato dalla stessa Schavan che da Ministro dell’Istruzione doveva evidentemente difendere l’autorevolezza dell’istituzione. Oggi, però, la stessa Ministra è capitolata per la stessa accusa. Tuttavia, non mancano differenze tra i due plagi, reali o presunti che siano.

Se nel caso di zu Guttenberg il caso è chiuso, nel senso che il plagio è stato dimostrato e il barone bavarese ha perso il titolo di dottore di ricerca, per Schavan la partita è ancora aperta e la Ministra si dice sicura che avrà la meglio nel braccio di ferro con l’Università di Düsseldorf che la scorsa settimana aveva tolto il titolo di dottore di ricerca a Schavan. La Ministra ha però deciso di fare ricorso e il plagio, dunque, deve ancora essere ancora dimostrato.

Le dimissioni di Schavan sono più che altro dovute a ragioni di opportunità perché il ruolo di Ministro dell’Istruzione danneggerebbe il Ministero, il governo e il suo stesso partito, la CDU, come detto dalla stessa Schavan durante la conferenza stampa in cui ha annunciato e spiegato le sue dimissioni. Che un Ministro dell’Istruzione faccia ricorso contro un’università sarebbe estremamente problematico e grave. In questo senso il gesto di Schavan è certamente da apprezzare. La Frankfurter Allgemine Zeitung ha evidenziato come debba essere accolto con massimo rispetto.

Della lunga serie di dimissioni di questa legislatura, quelle di Schavan sono le più dolorose e problematiche per la Cancelliera Angela Merkel. La stessa Merkel, nella conferenza stampa di sabato, ha elogiato Schavan come uno dei migliori Ministri dell’Istruzione. Ma Schavan è anche una delle fedelissime della Cancelliera, sin dai tempi in cui Merkel iniziò la sua scalata la partito con il famoso articolo sulla FAZ (22 dicembre 1999) in cui attaccava Helmut Kohl. Oggi Merkel perde un fedele e importante alleato, nell’esecutivo e, forse, anche nel partito. Sulle conseguenze di questa perdita è prematuro fare previsioni. Bisognerà aspettare gli eventi. Non è però escluso che la stessa CDU possa perdere qualche consenso.

Al posto di Annette Schavan è stata nominata Johanna Wanka (CDU) ex Ministro dell’Istruzione in Bassa Sassonia, Land da poco perso dal centrodestra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Ti potrebbe interessare
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"