Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’erba del vicino

Immagine di copertina

Se vivete nel Regno Unito probabilmente il vostro vicino sta coltivando una pianta di cannabis. Ecco come accorgervene

Secondo l’ultimo rapporto della Drug Monitoring Unit, ben mezzo milione di persone nel Regno Unito coltiverebbe delle piantine di cannabis. Questa statistica posizionerebbe dunque una “factory” di cannabis in ogni strada.

Se vivete nel Regno Unito, dunque, il coltivatore potrebbe essere il vostro vicino. Ma come fare a individuarlo?

Il Guardian ha pubblicato una vera e propria guida per scovare anche le più piccole piantagioni in città.

Innanzitutto, bisogna seguire il proprio naso.

Le piante hanno bisogno di circa tre mesi per raggiungere la dimensione ottimale e durante le ultime quattro settimane le loro foglie puzzano, rendendone più semplice l’identificazione. Le forze dell’ordine negli ultimi mesi hanno gentilmente distribuito a 210mila case delle carte speciali denominate “gratta e annusa il coltivatore di canna” (cannabis-farm scratch and sniff card) per aiutare a capire e identificare qual è l’odore della piantagione.

Inoltre, bisogna seguire la luce, o l’assenza di luce.

Perchè le piante crescano servono delle lampade speciali. Lampade che consumano tantissima energia: 2mila watt se sono in funzione per 12 ore al giorno. Il tutto all’interno di stanze prive luce, con finestre sigillate da teloni neri. Se ci sono tende scure che non si aprono mai, è probabile che all’interno della casa stia crescendo una pianta di cannabis.

Calore. Le stesse lampade producono anche un enorme quantità di calore: la vecchia teoria dice che chi coltiva cannabis non ha mai neve in terrazza, nemmeno d’inverno. Eppure oggi gli esperti isolano il calore attraverso quelle tende nere, dunque è meglio usare l’udito: le ventole delle lampade emettono un ronzio basso, ma inconfondibile. Se ogni giorno, esattamente alla stessa ora, sembra che il dirimpettaio stia accendendo un hovercraft, è probabile che sia un coltivatore di cannabis impegnato a riscaldare l’ambiente per il giorno.

Attenti ai vicini perfetti: molto spesso i coltivatori sono i cittadini più rispettosi della legge nella strada dove vivono, perché l’ultima cosa che vogliono è attirare l’attenzione della polizia verso la loro “factory” privata. Il loro giardino è sempre ordinato e pulito. Non solo, la loro casa è anche ben sorvegliata e recintata. Bisognerebbe dunque guardare anche ai sistemi di sicurezza: telecamere a circuito chiuso, sbarre alle finestre o alla porta suggeriscono che all’interno della casa c’è qualcosa da nascondere e nel Regno Unito, negli ultimi tempi, la cannabis è la pianta più nascosta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli