Coronavirus:
positivi 73.880
deceduti 10.779
guariti 13.030

L’infermiera che regala biancheria intima alle vittime di stupro: “Senza i miei reggiseni resterebbero nude”

Marta Phillips lavora da 14 anni in un team che si occupa di prestare assistenza alle donne che hanno subito violenza sessuale. Oggi ha deciso di compiere una piccola rivoluzione nel suo ospedale, dove acquista biancheria intima per le sopravvissute

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 18 Feb. 2020 alle 19:24 Aggiornato il 18 Feb. 2020 alle 21:35
8.2k
Immagine di copertina

L’infermiera che regala nuova biancheria intima alle vittime di stupro

Marta Phillips è un’infermiera di pronto soccorso che ha deciso di compiere una piccola rivoluzione all’interno dell’Ospedale in cui lavora, il Medical Center di Bellingham, nello stato di Washington, dove ha iniziato ad acquistare biancheria intima per le donne vittime di stupro.

Lo scorso dicembre Martha ha osservato una donna uscire dall’ospedale in camice, mentre si copriva il seno con le braccia strette intorno al petto per l’imbarazzo: il suo reggiseno, infatti, era stato trattenuto dai medici legali per effettuare le dovute indagini.

In quel momento in lei qualcosa è cambiato.

“Chi è vittima di violenza sessuale ha subito già abbastanza traumi”, ha dichiarato al Washington Post Phillips, membro da 14 anni di un team che si occupa di prestare assistenza alle vittime di stupro, e che solo durante lo scorso anno ha esaminato ben 136 casi.

“Devono lasciare l’ospedale sentendosi esposte, senza reggiseno e biancheria intima decente? È semplicemente inaccettabile”.

Così quel pomeriggio Phillps si è fermata in un grande magazzino a Bellingham e ha speso 150 dollari per una scorta di biancheria da tenere in ospedale.

Poi ha condiviso su Facebook la foto dei nuovi indumenti in un post che ha ottenuto oltre 140mila condivisioni.

“Questa è la biancheria intima che nessuna donna vorrebbe indossare”, ha scritto Phillips nel post.

“E non solo perché si tratta di reggiseni sportivi del colore di un farmaco per la nausea. Ma perché la diamo alle vittime di abusi che lasciano i propri indumenti in ospedale come testimonianza dell’aggressione subita”.

“Questo noioso reggiseno sportivo è molto meglio di quello che ottengono normalmente i pazienti dimessi. Alcune donne restano completamente senza vestiti: camicia, canotta, pantaloni, reggiseno, calzini. E se il programma che si prende cura di loro non provvede a un ricambio, escono dall’ospedale in càmice e calzini ospedalieri. Senza reggiseno”.

Phillps ha poi aggiunto nel post i contatti della rete nazionale per le vittime di stupro di cui fa parte, perché le persone interessate potessero donare loro nuova biancheria intima.

La partecipazione è stata così grande che ora nell’ospedale ci sono abbastanza indumenti per aiutare i sopravvissuti per almeno un anno, ha fatto sapere la Phillips. E adesso la struttura si è impegnata ad acquistarne di nuovi.

“Ora le persone di tutto il Paese devono aiutarci. La maggior parte di queste ha detto di non avere idea che ci fosse questa necessità. Mentre la seconda risposta più frequente è stata: è successo anche a me”.

Leggi anche:

Pakistan, l’Alta Corte si pronuncia sullo stupro di una minorenne cristiana: “Lecito sposarla se ha già avuto il ciclo”

Piemonte, la frase shock dell’assessora leghista: “Legge sugli affidi? Non accetto critiche da chi non ha figli”

8.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.