Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il prezzo del sangue

Immagine di copertina

Secondo un rapporto parlamentare il governo britannico venderebbe armi anche a Paesi che violano i diritti umani

Da un’inchiesta della commissione parlamentare risulta che il governo britannico venderebbe armi anche a Paesi che violano i diritti umani.

Dal rapporto emerge che la stima delle licenze per l’esportazione di armi attualmente concesse dall’Inghilterra, verso 27 divesi Paesi, ammonta a quasi 14 miliardi di euro.

Le licenze attualmente concesse sono 3 mila e gli accordi riguardano tra gli altri Arabia Saudita, Cina, Egitto, Tunisia e Sri Lanka. Da parte dei parlamentari sono sorte domande molto serie in particolare verso lo Sri Lanka, cui sono fornite pistole, munizioni per armi di piccolo calibro e fucili d’assalto. Ciò a dispetto dei casi ben documentati di violazioni dei diritti umani nel Paese.

Il valore delle licenze nei confronti della Cina, ammonta a 1.6 miliardi di euro, e anche qui figurano apparecchiature simili, insieme a piccole munizioni di armi, nonostante l’embargo posto dall’Ue su Pechino.

Un dato colpisce: Israele, in base a un accordo raggiunto lo scorso Febbraio, conta ben oltre la metà del valore delle licenze di armi complessive, pari a circa 9 miliardi di euro.

Risultano, inoltre, più di 50 licenze nei confronti dell’Iran, che comprendono componenti per elettronica militare e quelli che sono definiti “strumenti crittografici”, un termine molto generale che può ricomprendere una grande varietà di equipaggiamenti.

I dati sembrano contrastare con la politica generale in materia di commercio di armi in Gran Bretagna, che è quella di non rilasciare licenze a Stati in cui vi sia “un rischio evidente che la prospettata esportazione potrebbe provocare o prolungare conflitti regionali o interni, o che potrebbe essere utilizzata per facilitare la repressione interna”, come si legge nel report.

Per questo John Stanley, presidente della commissione dice: “Continueremo a chiedere maggiori chiarimenti da parte del governo. Vorremmo sapere, per esempio, se l’apparecchiatura per la crittografia può essere utilizzata sul dissenso interno, e il suo possibile uso militare.”

Intanto, una portavoce del Dipartimento per il Commercio e l’Innovazione ha fatto sapere che gli strumenti in questione sono un mezzo per garantire la sicurezza delle informazioni, impedendo l’accesso non autorizzato ai dati, e che non sollevano alcun problema riguardo alla repressione interna.

Il rapporto conclude: “Il governo farebbe bene a riconoscere che vi è un conflitto tra promuovere le esportazioni di armi verso i regimi autoritari, e allo stesso tempo criticare fortemente i loro abusi contro i diritti umani, piuttosto che sostenere, che queste due politiche ‘si rafforzino a vicenda’ “.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”