Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il più grande centro contro l’Ebola

Immagine di copertina

Si trova a Monrovia, in Liberia, e la ha costruito Medici senza frontiere. Un drone in volo ce lo fa vedere dall’alto

Si chiama Elwa 3 ed è il più grande centro di trattamento per i malati di Ebola mai costruito in Africa.

Si trova a Monrovia, la capitale della Liberia, ed è gestito da Medici senza frontiere (Msf). Il primo paziente è stato ammesso qui il 17 agosto 2014.

Quando il campo è stato inaugurato, contava 120 posti letto. Oggi se ne contano almeno 250 ed è in programma un ulteriore ampliamento entro la fine dell’anno.

Elwa 3 ammette dai 40 ai 50 pazienti al giorno. Nessuno viene rifiutato. Un video, girato da uno dei fondatori del sito Ryot News, David Darg ce lo mostra dall’alto con un drone.

Finora, Medici senza frontiere ha ricoverato in questo campo 1.343 persone. Sono stati confermati 1.128 casi di Ebola e 301 pazienti sono usciti dalle porte del campo, guariti.

I responsabili del campo non hanno precisato il numero di decessi. Hanno solo detto che circa il 40 per cento dei ricoverati sopravvive all’Ebola.

Dall’apertura, cinque dipendenti del centro hanno contratto l’Ebola. Dopo le indagini interne, Msf ha concluso che solo uno di questi si è ammalato all’interno del campo e il protocollo anti contagio è stato reso ancora più severo.

Il video mostra le diverse aree del campo: la prima è quella a basso rischio, dove si trovano uffici, aree di stoccaggio e un laboratorio. Una seconda area è riservata ai pazienti che mostrano i sintomi dell’Ebola. È una zona ad alto rischio e si trova separata da quelle con basso pericolo di contagio.

Nel caso la diagnosi venisse confermata, i pazienti vengono poi trasferiti in una terza area, dove il protocollo anti-contagio è molto severo e l’acceso è riservato solo al personale in tuta protettiva. Tuttavia, medici e infermiere possono lavorare all’interno solo per un breve periodo, perché la tuta provoca un calore soffocante che in poco tempo causa la disidratazione di chi la indossa.

La Liberia è il Paese africano colpito più duramente dall’epidemia di Ebola. I morti accertati sono 2.413 e le persone contagiate più di 6.535, secondo l’ultimo dato di Medici Senza Frontiere che risale al 29 ottobre. 

In tutta l’Africa occidentale l’Ebola ha già ucciso più di cinquemila persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti