Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il più grande centro contro l’Ebola

Immagine di copertina

Si trova a Monrovia, in Liberia, e la ha costruito Medici senza frontiere. Un drone in volo ce lo fa vedere dall’alto

Si chiama Elwa 3 ed è il più grande centro di trattamento per i malati di Ebola mai costruito in Africa.

Si trova a Monrovia, la capitale della Liberia, ed è gestito da Medici senza frontiere (Msf). Il primo paziente è stato ammesso qui il 17 agosto 2014.

Quando il campo è stato inaugurato, contava 120 posti letto. Oggi se ne contano almeno 250 ed è in programma un ulteriore ampliamento entro la fine dell’anno.

Elwa 3 ammette dai 40 ai 50 pazienti al giorno. Nessuno viene rifiutato. Un video, girato da uno dei fondatori del sito Ryot News, David Darg ce lo mostra dall’alto con un drone.

Finora, Medici senza frontiere ha ricoverato in questo campo 1.343 persone. Sono stati confermati 1.128 casi di Ebola e 301 pazienti sono usciti dalle porte del campo, guariti.

I responsabili del campo non hanno precisato il numero di decessi. Hanno solo detto che circa il 40 per cento dei ricoverati sopravvive all’Ebola.

Dall’apertura, cinque dipendenti del centro hanno contratto l’Ebola. Dopo le indagini interne, Msf ha concluso che solo uno di questi si è ammalato all’interno del campo e il protocollo anti contagio è stato reso ancora più severo.

Il video mostra le diverse aree del campo: la prima è quella a basso rischio, dove si trovano uffici, aree di stoccaggio e un laboratorio. Una seconda area è riservata ai pazienti che mostrano i sintomi dell’Ebola. È una zona ad alto rischio e si trova separata da quelle con basso pericolo di contagio.

Nel caso la diagnosi venisse confermata, i pazienti vengono poi trasferiti in una terza area, dove il protocollo anti-contagio è molto severo e l’acceso è riservato solo al personale in tuta protettiva. Tuttavia, medici e infermiere possono lavorare all’interno solo per un breve periodo, perché la tuta provoca un calore soffocante che in poco tempo causa la disidratazione di chi la indossa.

La Liberia è il Paese africano colpito più duramente dall’epidemia di Ebola. I morti accertati sono 2.413 e le persone contagiate più di 6.535, secondo l’ultimo dato di Medici Senza Frontiere che risale al 29 ottobre. 

In tutta l’Africa occidentale l’Ebola ha già ucciso più di cinquemila persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"