Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il crollo di Dhaka e il ciclone

Immagine di copertina

Le operazioni di salvataggio per il crollo dello stabilimento si sono concluse, ma ora è il ciclone Mahasen a minacciare il Paese

Il 24 aprile il crollo dello stabilimento tessile nella zona industriale di Savar, nella periferia della capitale Dhaka, ha focalizzato l’attenzione sulle norme di sicurezza nelle fabbriche del Bangladesh, dove si producono i vestiti per i grandi marchi dell’abbigliamento mondiale. Il bilancio delle vittime è di 1.127, secondo le operazioni di salvataggio concluse questa settimana.

Il salario minimo per i lavoratori tessili del Bangladesh è di circa 30 euro al mese, anche se molte fabbriche pagano di più per attrarre i lavoratori in un mercato del lavoro molto rigido. Il Bangladesh era all’ultimo posto nella classifica dei salari minimi per i lavoratori in fabbrica nel 2010, secondo i dati della Banca Mondiale.

A Dhaka, il governo ha ispezionato e chiuso più di una dozzina di fabbriche di abbigliamento a causa di problemi strutturali. Alcune aziende europee che producono in Bangladesh (tra cui Benetton e H&M) hanno firmato un accordo per garantire migliori condizioni di lavoro nelle fabbriche. Sono state promesse ispezioni indipendenti sulla sicurezza e la pubblicazione dei risultati, oltre al coinvolgimento dei sindacati nel miglioramento delle condizioni di lavoro. La produzione di vestiti rappresenta circa l’80 per cento delle esportazioni del Bangladesh. 

All’inizio di questa settimana, alcune manifestazioni hanno spinto le autorità a chiudere più di 300 fabbriche di abbigliamento per alcuni giorni nella cintura industriale di Ashulia, nella periferia di Dhaka.

Il Bangladesh rimane in questi giorni al centro dell’emergenza. Il ciclone Mahasen ha colpito ieri la costa meridionale del Paese, sferzando con forti piogge e venti i i villaggi di pescatori e costringendo all’evacuazione oltre 1 milione di persone.

Secondo le Nazioni Unite la tempesta potrebbe mettere in pericolo la vita di circa 8,2 milioni di persone in Bangladesh, Birmania e del nord-est dell’India. Il pericolo era particolarmente elevato per le decine di migliaia di sfollati della minoranza musulmana Rohingya, che vivono in tende di plastica e in capanne fatte di canne, in decine di campi profughi lungo la costa occidentale della Birmania.

Cacciati dalle loro case con l’esplosione della violenza settaria della maggioranza buddhista nel Paese lo scorso anno, i Rohingya sono parte delle 140 mila persone che dallo scorso anno vivono accampate nelle zone costiere considerate altamente vulnerabili alle mareggiate e inondazioni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sudafrica, 22 giovani trovati morti in un night club
Esteri / Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo
Esteri / Migranti, almeno 27 morti al confine tra Marocco e Spagna. Sanchez: “Responsabilità dei trafficanti”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sudafrica, 22 giovani trovati morti in un night club
Esteri / Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo
Esteri / Migranti, almeno 27 morti al confine tra Marocco e Spagna. Sanchez: “Responsabilità dei trafficanti”
Esteri / Lione, bambina di 11 mesi avvelenata con l’acido dalla maestra: voleva farla smettere di piangere
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev torna sotto attacco: 14 missili lanciati nella notte
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”
Esteri / Guerra in Ucraina. Kiev: "Da Bielorussia missili contro Chernihiv". Putin: "Armeremo Minsk". Di Maio: "Se fermiamo la resistenza Putin arriverà fino ai confini Ue"
Esteri / Usa, la Corte suprema cancella la sentenza sul diritto all’aborto
Esteri / Chiusa l’inchiesta Onu sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh: “Uccisa dalle forze israeliane”