Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I disabili analfabeti

Immagine di copertina

Secondo un rapporto di Human Rights Watch, in Cina viene negata la parità di accesso all'istruzione ai bambini con disabilità

Secondo un rapporto di Human Rights Watch la Cina ha lasciato quasi il 40 per cento della sua popolazione disabile analfabeta.

Più di 60 interviste fatte a bambini disabili e i loro genitori hanno mostrato che le scuole in Cina negano la parità di accesso all’istruzione per i bambini con disabilità e non forniscono alcuna sistemazione appropriata per contribuire a superare le loro difficoltà di apprendimento.

Oggetto di una forte discriminazione, le persone con disabilità hanno spesso la via sbarrata sin dall’inizio della loro età educativa. Gli istituti di istruzione hanno linee guida provenienti dal governo che impediscono l’iscrizione di studenti che abbiano “difetti” fisici e mentali.

Le linee guida consigliano le università sui “difetti fisiologici” e le “malattie” che rendono una persona “incapace di prendersi cura di se stessa o di completare i suoi studi.”

L’accesso dei disabili alle scuole regolari viene così negato, a meno che possano dimostrare di essere in grado di adattarsi all’ambiente didattico, dato che le sistemazioni per tali studenti sono “scarse o inesistenti “.

“I bambini con disabilità hanno il diritto di frequentare le scuole normali come tutti gli altri bambini, e hanno diritto al sostegno per le loro particolari esigenze di apprendimento”, ha detto Sophie Richardson di Human Rights Watch.

L’associazione per la salvaguardia dei diritti umani ha fatto l’esempio di una madre costretta ad andare a scuola diverse volte al giorno per portare il suo bambino su e giù per le scale, perché il bagno è su un piano diverso rispetto all’aula di insegnamento.

Il rapporto mette in luce come in Cina il problema della rapida crescita delle disuguaglianze sociali – anche in materia di istruzione – valga in modo più pesante per le persone con disabilità fisiche.

La consapevolezza pubblica dei problemi delle persone con disabilità è ancora allo stato nascente. Il pregiudizio e lo stigma sociale sono ancora molto forti.

In Cina le persone con disabilità sono almeno 83 milioni. L’atteggiamento verso i disabili sta lentamente cambiando, soprattutto dopo i Giochi Paralimpici del 2008.

Yang Zhanqing, un avvocato indipendente per le persone con disabilità, ha detto che il rapporto di Human Rights Watch è “abbastanza oggettivo”, ma che il quadro sarebbe peggiore se gli intervistati provenissero da regioni ancora più remote del Paese.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue