Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Proteste ad Hong Kong, scontri violenti con la polizia: oltre 50 feriti. I manifestanti entrano in Parlamento

 

Hong Kong scontri | Parlamento | Estradizione | Sovranità cinese

Hong Kong scontri – Dopo alcune ore di assedio intorno al Parlamento di Hong Kong, alcuni manifestanti sono entrati nell’edificio. A riportarlo sono i media locali, che segnalano il contrasto delle violenze con il lungo corteo pacifico che sta riempiendo le strade principali dell’ex colonia.

1500 persone sono riuscite a sfondare i vetri del Parlamento e ad entrare rompendo le finestre dell’edificio bloccandole con un carrello metallico e costringendo la grande marcia della protesta a deviare l’intero percorso previsto.

Il governo di Hong Kong ha parlato di “atti inaccettabili per la società”.

La polizia, intorno alla mezzanotte locale, ha disperso i manifestanti che si trovavano fuori dal Parlamento attraverso una serie di cariche e lanci di lacrimogeni.

Poi, dopo circa tre ore di occupazione, le forze dell’ordine sono riuscite a riprendere il controllo del Parlamento.

Il bilancio degli scontri parla di oltre 50 feriti, di cui 3 in modo grave.

Oggi l’opposizione è tornata in strada nel giorno in cui 22 anni fa Hong Kong passò dalle mani della Gran Bretagna a quelle di Pechino. Ma le manifestazioni vanno avanti da domenica 9 giugno, quando i cittadini sono scesi in piazza per protestare contro la legge sull’estradizione in Cina che permetterebbe alla Repubblica popolare di processare i sospetti che risiedono nell’ex colonia britannica.

> Cosa sta succedendo a Hong Kong e perché i cittadini stanno protestando

Gli scontri sono molto violenti: una barra di ferro e un carrello metallico sono stati usati come arieti.

La folla non accenna a disperdersi, nella terza grande manifestazione di massa nel giro di poche settimane per chiedere le dimissioni della governatrice filo-cinese Carrie Lam. E i tentativi di entrare nel quartier generale del governo non sono finiti.

Hong Kong, migliaia in piazza
Credits: AFP

Hong Kong scontri | Sovranità cinese

Il 1 luglio 1997 Hong Kong rientrava sotto la sovranità cinese, un anniversario sensibile per i manifestanti che da più di un mese chiedono le dimissioni di Lam proprio perché eccessivamente legata a Pechino.

Le strade a Hong Kong sono bloccate da questa mattina, anche se sembra che i partecipanti alle proteste siano un po’ meno dei due milioni scesi in strada nelle scorse settimane per contestare la legge sull’estradizione verso Pechino, ora congelata.

> Proteste a Hong Kong, la marea umana non si ferma: quasi 2 milioni in piazza

Gli agenti, riferiscono la stampa internazionale e gli attivisti sul posto, hanno usato più volte manganelli e spray urticanti. Il 12 giugno scorso la repressione della polizia era stata più violenta, con cariche e proiettili di gomma.

Intanto, la governatrice Carrie Lam, bersaglio delle proteste, ha assistito alle cerimonie ufficiali di alzabandiera che si sono tenute a Golden Bauhinia Square in videoconferenza, davanti a uno schermo, dentro l’Hong Kong Exhibition Center.

> Hong Kong, rinviato l’esame della legge sull’estradizione. Manifestanti entrano in parlamento, la polizia: “È in corso una rivolta”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”