Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Agente accusato di sevizie su un giovane, banlieue parigina in fiamme

Immagine di copertina

Scontri e incendi in un sobborgo della capitale francese dopo l'arresto di un 22enne. Il ragazzo ha denunciato un poliziotto di violenza sessuale, quattro agenti sospesi

Torna la violenza nelle banlieue parigine. Per la terza notte consecutiva ci sono stati scontri tra giovani e la polizia nel sobborgo settentrionale di Aulnay-sous-Bois, dopo l’arresto di un 22enne di colore in seguito al quale sono stati incriminati e sospesi dal servizio quattro poliziotti.
 
Il giovane ha denunciato di aver subito violenza sessuale da uno dei quattro agenti e di essere stato malmenato dagli altri tre poliziotti. La vicenda risale al notte del 3 febbraio, quando gli agenti incriminati sono intervenuti nel sobborgo di Aulnay-sous-Bois per controllare l’identità di una decina di persone sospettate di spaccio di stupefacenti. Secondo la Procura, durante la retata gli agenti hanno usato gas lacrimogeni e manganelli. Dopo le ferite riportate il 22enne è stato ricoverato d’urgenza in ospedale, dove medici gli hanno prescritto fino a 60 giorni di convalescenza.
 
“I poliziotti ci hanno ordinato di restare in piedi contro il muro, uno di loro mi violentato usando il manganello”, ha spiegato il giovane intervistato da un’emittente televisiva francese. Theo, questo il suo nome, ha poi raccontato in tv nel dettaglio la violenza subita e ha denunciato di aver subito successivamente di insulti a sfondo razziale in un’auto della polizia.
 
Gli scontri nel sobborgo multietnico sono cominciati il 4 febbraio, quando alcuni ragazzi hanno distrutto e incendiato auto e fermate di autobus. Non è bastato l’appello alla calma lanciato da Aurelie, sorella maggiore di Theo, durante una manifestazione di protesta a cui hanno partecipato centinaia di persone, con la famiglia del giovane aggredito in prima fila.

Nel corso degli incidenti, proseguiti per tutta la notte del 5 febbraio, un colpo di mortaio artigianale è stato sparato contro una pattuglia della polizia. Almeno 26 persone sono state fermate, cinque i veicoli dati alle fiamme. Alcuni giovani gli hanno anche cercato di dare fuoco a due ristoranti, che sono rimasti danneggiati.

— GUARDA ANCHE: I video degli scontri tra manifestanti e polizia

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.*

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi