Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una giornalista no vax, di 26 anni, è morta dopo aver contratto l’influenza suina e la meningite

Immagine di copertina
Bre Payton

La ragazza, molto nota negli Usa, era comparsa più volte su Fox News

“I vaccini sono opera del diavolo”. Questo aveva affermato, qualche tempo fa, Bre Payton, giornalista americana morta dopo aver preso l’influenza suina acutizzata dalla meningite. L’episodio, come riporta il New York Times, è accaduto il 28 dicembre 2018 a San Diego, in California. La giovane conduttrice televisiva aveva 26 anni.

La vicenda

La ragazza, che non si era mai vaccinata e aveva avviato un’intensa campagna no-vax, era molto conosciuta negli Stati Uniti non solo per la sua professione, ma anche per le sue posizioni politiche. Era, infatti, conservatrice e molto vicina all’ultradestra. In più occasioni, sui giornali o in televisione, Bre aveva dichiarato la sua battaglia contro i vaccini. Una volta aveva anche detto: “Bisogna combattere con tutti i mezzi le campagne di vaccinazione statali contro la pertosse”.

Ma poco prima dell’inizio del 2019 la giornalista si è sentita male ed è stata ricoverata dopo aver contratto il virus H1N. In condizioni disperate, affetta anche dalla meningite, la giovane è morta in ospedale.

Chi era Bre Payton

Bre Payton era nata a San Diego l’8 giugno 1992.  Dopo aver frequentato la Western Christian Schools Private Satellite Program a Covina, in California, si era specializzata in giornalismo politico al Patrick Henry College di Purcellville, in Virginia.

La giornalista, nel 2005, aveva iniziato a scrivere per il sito The Federalist. Da lì subito il successo – da molti era definita una “stella nascente” – tant’è vero che era regolarmente presente in televisione su Fox News e Fox Business come commentatrice.

“Dal momento in cui abbiamo iniziato a parlare ho capito che era un pontenziale fenomeno”, ha scritto Ben Domenech, giornalista di The Federalist, dopo la morte della ragazza. “Era impaziente di imparare, di scrivere e di muoversi: non a causa dell’ambizione, ma perché voleva cambiare il mondo”.

Proprio per il sito Payton aveva scritto il suo ultimo articolo il 20 dicembre. Un pezzo incentrato su una residenza per anziani a Washington che aveva impedito agli ospiti di poter usare scene del presepe, il crocefisso o la stella di David per decorare le aree comuni nella struttura.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio