Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Genocidio?

L'Onu ha lanciato l'allarme per il rischio genocidio in Repubblica Centrafricana

Di Laura Lisanti
Pubblicato il 17 Gen. 2014 alle 10:49 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:33
0
Immagine di copertina

La Repubblica Centrafricana è sull’orlo del genocidio. John Ging, direttore delle operazioni per l’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento delle questioni umanitarie, è tornato ad esprimere la preoccupazione per i continui spargimenti di sangue che avvengono nel Paese.

Secondo il funzionario, la crisi umanitaria era prevedibile e la lunga negligenza della comunità internazionale l’avrebbe fatta precipitare. Se la risposta comune alle violenze non sarà condotta con più intensità, ci saranno altre vittime. “Gli elementi che vediamo sono i semi del genocidio” ha detto Ging.

L’ex colonia francese si trova nel caos da marzo, quando il gruppo di ribelli Seleka, in prevalenza musulmani, hanno preso il potere con un colpo di stato. La Repubblica Centrafricana è stata ripetutamente attraversata da violenze, assassinii e attentati contro la Milizia Cristiana, il gruppo di opposizione. Un milione di persone sono state costrette a lasciare le loro case. Solo nell’ultimo mese, il conflitto ha causato più di 1000 morti nella capitale Bangui.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.