Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il fotografo che ha immortalato la proposta di matrimonio sbagliata

Immagine di copertina

Jacob Peters era stato ingaggiato da un ragazzo per scattare una serie di foto mentre chiedeva alla fidanzata di sposarlo, ma poi è nato un equivoco

Il fotografo statunitense Jacob Peters si è trovato suo malgrado coinvolto in un equivoco a lieto fine che ha voluto raccontare in un lungo post sulla sua pagina Facebook. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Peters ha scritto di essere stato contattato da un ragazzo del Wisconsin per scattare una serie di fotografie mentre chiedeva alla fidanzata di sposarlo su una montagna. Il piano dell’aspirante marito era tenere nascoste le foto alla ragazza per poi farle una sorpresa. La proposta si sarebbe dovuta svolgere al Whitaker’s Point, un dirupo molto scenografico e popolare situato nell’altopiano di Ozark, in Arkansas.

Il giorno stabilito Peters si è svegliato alle 2.30 di notte e ha fatto un’ora e mezza di camminata per raggiungere il luogo stabilito, portando con sé 30 chili di attrezzatura fotografica. È arrivato sul posto prima delle 6 del mattino e si è messo ad aspettare.

Dopo circa 20 minuti, sul punto del dirupo stabilito è arrivata una coppia, lui si è inginocchiato e ha fatto la proposta. Peters ha scattato 450 foto, poi ha ripreso tutta la sua attrezzatura e ha lasciato i due a godersi l’emozione del momento.

Quando è arrivato a casa ha inviato un messaggio al cliente per congratularsi e informarlo che le foto erano venute bene. Ma il cliente gli ha risposto: “Mmh.. noi non ti abbiamo visto”. La coppia era arrivata in ritardo di un’ora.

In quel momento Peters si è reso conto di aver impiegato 6 ore, 40 dollari e centinaia di foto per immortalare la proposta di matrimonio sbagliata.

Il fotografo non ha comunque desistito e ha scritto un post su Facebook la storia allo scopo di trovare la coppia giusta. Dopo circa due giorni, grazie ai social network sono stati loro stessi a rintracciarlo, entusiasti di vedere le foto. In questo modo, almeno la fatica di Peters non è stata del tutto vana.

L’intera storia e le foto sono visibili sul profilo pubblico di Jacob Peters.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: almeno 13 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggredisce una donna su un bus | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio