Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Anche i guerriglieri marxisti dell’Eln vogliono trattare la pace con il governo colombiano

Immagine di copertina

Il gruppo fin dagli anni Novanta è stato al centro di alcune sanguinose azioni militari contro il governo di Caracas e di numerosi rapimenti

I ribelli marxisti dell’Eln hanno annunciato che sono pronti ad avviare le trattative per raggiungere un accordo di pace con il governo colombiano.

L’annuncio dell’Eln è arrivato due giorni dopo la storica pace firmata dal governo di centro destra della Colombia e i miliziani comunisti delle Farc, mettendo fine a un conflitto negli ultimi cinquant’anni ha ucciso oltre 220mila persone e portato la nazione sudamericana sull’orlo del collasso.

LEGGI ANCHE: LA COLOMBIA E LE FARC HANNO FIRMATO L’ACCORDO DI PACE

Alcuni recenti attacchi e rapimenti dell’Eln avevano fatto naufragare qualsiasi tentativo di accordo e il governo stava per abbandonare il tavolo delle trattative durante i primi contatti informali avuti a marzo, ma il leader dei guerriglieri ha annunciato che l’Eln “è pronto a trovare soluzioni e a superare le difficoltà”. 

L’Esercito di liberazione nazionale è nato nel 1964 sull’onda della rivoluzione cubana del 1959. Tra i fondatori c’era il prete gesuita Camilo Torres, seguace della teologia della liberazione, il movimento nato all’interno della chiesa cattolica in America Latina come risposta alle dilaganti ingiustizie e la povertà delle classi meno abbienti.

L’Eln, dopo la pace firmata con le Farc, è il primo gruppo ribelle della Colombia e nel suo esercito combattono oltre 2mila guerriglieri. Finanziato con estorsioni, traffico di droga e i riscatti dei rapimenti, l’Eln ha compiuto le azioni più sanguinose a partire dagli anni Novanta.

Nell’ottobre del 1998 fecero esplodere un oleodotto nella provincia di Antioquia, causando la morte di 84 persone. L’anno scorso undici soldati sono stati uccisi in un’imboscata durante le elezioni locali mentre stavano trasportando urne.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”