Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni Sri Lanka 2019: la sfida tra Sajith Premadasa e l’ex ministro della Difesa Gotabaya Rajapaksa

Immagine di copertina

Elezioni Sri Lanka 2019

Oggi 16 novembre 2019 si tengono le elezioni nello Sri Lanka; a soli sette mesi di distanza dal terribile attacco terroristico che il 21 ottobre dello scorso aprile provocò la morte di oltre 259 persone gli elettori sono chiamati a votare. L’attacco contro le chiese cristiane e i siti turistici rivendicato dallo Stato Islamico di Abu Bakr al-Baghdadi ha portato il Paese a una nuova fase di forte instabilità politica.

Il ministro dell’attuale governo e capo del principale partito di maggioranza Premadasa promette di proseguire l’opera riformatrice e di riconciliazione nazionale del governo uscente e di attuare riforme per combattere la corruzione e aiutare i più poveri.

I candidati in corsa alle elezioni sono 35 ma i veri sfidanti sono Sajith Premadasa, rappresentante del partito di maggioranza in Parlamento, lo United National Party (Unp) e l’ex ministro della Difesa Gotabaya Rajapaksa, leader del Fronte popolare dello Sri Lanka (Slpp).

Sajith Premadasa è il figlio dell’ex presidente dello Sri Lanka dal 1989 al 1993 Ranasinghe Premadasa. La sua campagna elettorale si è basata sull’eredità politica del padre, apprezzato in passato per aver implementato lo Stato sociale e i servizi pubblici a favore della popolazione. La notorietà del padre gli ha valso anche la fiducia della minoranza musulmana che considerava Ranasinghe un uomo vicino al popolo. A sostenerlo è anche la minoranza Tamil, a lungo perseguitata dalla maggioranza buddista.

Il suo sfidante è Gotabaya Rajapaksa, ex ministro della Difesa durante il governo del fratello Mahinda Rajapaksa, presidente dal 2005 al 2015. È considerato “l’uomo forte” in grado di riportare l’ordine nel Paese e ha basato il suo consenso sulla promessa di poter offrire maggior sicurezza dopo gli attentati di Pasqua.

Le elezioni si terranno comunque in un forte clima di tensioni: dopo il 21 aprile infatti i militari non hanno mai smesso di pattugliare le strade, la sorveglianza nei confronti della stampa è aumentata fortemente e la libertà di espressione è stata ridotta.

Attentati di Pasqua in Sri Lanka, 290 vittime (30 stranieri): “Gruppo jihadista dietro attacchi”. Il 23 aprile giorno di lutto nazionale

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane