Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Dito salvo per miracolo dopo il morso di un ragno

Protagonista dell'assurda vicenda un 37enne britannico

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 22 Gen. 2019 alle 18:27 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:03
0
Immagine di copertina

Ha rischiato di perdere un dito per il morso di un ragno. Il protagonista della drammatica vicenda è Gary Armstrong, 37 anni, che in un’intervista rilasciata ai media britannici ha spiegato la dinamica dei fatti.

Il ragno in questione è un Steatoda nobilis, ai più nota come falsa vedova e avrebbe morso il 37enne mentre lui dormiva. Come racconta Gary, era intento a vedere una serie tv a letto, quando si è svegliato all’improvviso accorgendosi dell’animale sulla mano.

Lì per lì Gary non ha dato peso alla cosa. Ha scacciato l’animale e si è rimesso a dormire. Quando si è svegliato la mattina dopo, però, qualcosa non andava: il 37enne ha iniziato ad avvertire un fortw bruciore al dito, ma anche stavolta ha trascurato i segnali ed è andato a lavoro senza preoccuparsi troppo.

Le ore passavano, però, e il bruciore non accennava a placarsi. In più sul dito il morso del ragno stava trasformando in una ferita ripugnante. L’uomo a quel punto si è deciso a recarsi in ospedale. L’area in cui il ragno aveva morso continuava a peggiorare.

“Sentivo come se la mano stesse prendendo a fuoco, era in agonia”, ha detto Gary. Una volta venuto a conoscenza che quello che l’aveva morso era un animale velenose, il 37enne ha iniziato a temere per la sua vita. I medici, però, hanno subito fatto il possibile per placarlo: la falsa vedova, infatti, non è letale.

Il problema restava quello di estrarre il più velocemente possibile il veleno dal dito dell’uomo. Il rischio che Gary correva era un ulteriore peggioramento della ferita e la conseguente cancrena del dito.”La mia mano era messa così male dopo il morso che il giorno dopo non riuscivo a neanche mettermi le mani nelle tasche. Ora però sto bene”, ha affermato Gary, che se l’è vista davvero brutta.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.