Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il prezzo del petrolio crolla ai livelli del 2003

Immagine di copertina

Dopo la rimozione delle sanzioni all'Iran, il costo del greggio è sceso fino a toccare i 27 dollari al barile

Il prezzo del petrolio è sceso al di sotto dei 28 dollari al barile, il costo più basso dal 2003 a oggi.

Il petrolio Brent, che funge da riferimento internazionale, è sceso fino a toccare i 27,67 dollari al barile, per poi risalire leggermente fino a superare i 28 dollari.

L’Iran ha annunciato che, dopo la revoca delle sanzioni, circa mezzo milione di barili verrà immesso ogni giorno sui mercati.

“Il calo del prezzo è legato alla rimozione delle sanzioni occidentali contro l’Iran. Ora che le esportazioni iraniane torneranno sul mercato ci sarà una sovrabbondanza di petrolio”, ha spiegato Daniel And, analista finanziario per Phillip Futures.

La decisione di revocare l’embargo contro l’Iran è arrivata domenica 18 gennaio dopo che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), ha reso noto che l’Iran ha rispettato l’accordo contro lo sviluppo di armi nucleari.

L’Iran è al quarto posto al mondo per quantità di riserve petrolifere e l’immissione della sua produzione sui mercati internazionali potrebbe portare l’eccesso di produzione a un milione di barili al giorno.

L’attuale grande produzione di petrolio è la causa del crollo del costo del petrolio del 70 per cento dalla metà del 2014 a oggi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane