Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Crescere nella baraccopoli più grande dell’Africa

Immagine di copertina

La storia di una bambina di 10 anni che vive a Kibera, una tra le baraccopoli più grandi al mondo, in Kenya

Eunice Akoth è una bambina keniota di dieci anni, nata e cresciuta nella baraccopoli di Kibera, una delle più grandi per estensione e numerose dell’Africa e del mondo.

Kibera si trova alla periferia di Nairobi, la capitale del Kenya, e secondo un censimento del 2009 conta circa 170mila persone. Alcune organizzazioni internazionali sostengono però che la sua reale popolazione sia di circa un milione di abitanti.

Eunice frequenta la quarta elementare presso la scuola femminile di Kibera. Adora la poesia, è molto brava in matematica e ama il libro Matilda dello scrittore britannico Roald Dahl.

Sogna di viaggiare per il mondo: da New York a Melbourne, anche se prima o poi vuole rientrare in Kenya per iniziare gli studi e diventare una dottoressa.

La sua storia è una delle cinque che fanno parte del progetto In Kibera, una serie di racconti delle vite e delle speranze degli abitanti della baraccopoli, e del loro sforzo per scampare alla miseria. Il video é stato realizzato dal regista Josh Hayward.

Cose da sapere su Kibera

Secondo i dati del Kibera Law Centre, l’associazione che si batte per i diritti degli abitanti dello slum:

– Kibera è uno dei luoghi più densamente popolati del pianeta.

– Ci sono solo 600 bagni nello slum, vale a dire un solo bagno ogni 1.300 persone.

– L’aspettativa di vita arriva ai 30 anni – in Kenya a 50 -, secondo quanto riportato sul sito delle Nazioni Unite, nel rapporto Life Expectancy, dal 2005 al 2010.

– La metà degli abitanti di Kibera ha meno di 15 anni.

– Gli abitanti non hanno a disposizione acqua potabile nella baraccopoli. La devono acquistare da privati.

– Le donne e bambine a Kibera vengono in gran numero violentate o vendute al mercato della prostituzione.

– Il 66 per cento delle donne si prostituisce in cambio di cibo, e molte cominciano già all’età di 6 anni.

– Solo l’8 per cento delle bambine ha la possibilità di ricevere un’istruzione.

– I bambini sniffano una droga allucinogena sotto forma di colla per alleviare la fame.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno