Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Covid 19, pronto il primo vaccino: sarà somministrato all’esercito cinese

Immagine di copertina

Covid 19, pronto il primo vaccino

Il primo vaccino anti Covid 19 è pronto ad essere usato sull’uomo. I primi a riceverlo saranno i militari cinesi. L’azienda biotech CanSino ha ricevuto luce verde dalla Commissione Militare Centrale per la prima somministrazione su larga scala a partire dal 25 giugno 2020. Durerà un anno e per il momento sarà riservata agli uomini in divisa del paese asiatico, anche se il loro numero non è stato rivelato per “ragioni di privacy commerciale”.

I risultati del vaccino, che ha concluso in tutta fretta le fasi uno e due delle sperimentazioni, sono stati pubblicati su The Lancet e parlano di un prodotto sicuro e capace di attivare il sistema immunitario, almeno in modo parziale. L’azienda di Hong Kong CanSino Biologics che lo ha sviluppato, insieme all’Istituto di biotecnologia di Pechino, parte dell’Accademia militare per le scienze mediche, ha riferito che il vaccino ha “un profilo di sicurezza buono” ed il potenziale per prevenire la malattia causata dal nuovo coronavirus.

La CanSino ha fin da subito collaborato con l’Accademia Militare delle Scienze e ha avviato una sperimentazione sull’uomo anche in Canada. Il vaccino usa il metodo del cosiddetto “vettore virale”. Contiene cioè un virus benigno, capace di diffondersi nell’organismo senza farlo ammalare. Nel genoma di questo virus vettore i ricercatori hanno aggiunto un frammento di Dna artificiale. Vi sono scritte le istruzioni che permetteranno alle nostre cellule di fabbricare la cosiddetta proteina spike. La spike è la punta della corona del coronavirus: quella parte che viene riconosciuta dal nostro sistema immunitario ed è in grado di suscitare una reazione delle nostre difese.

Vaccino in commercio?

La CanSino ha poi precisato di non poter garantire che il vaccino venga commercializzato. Fino ad oggi nessun vaccino è stato ancora approvato per uso commerciale contro la malattia causata dal nuovo coronavirus, ma oltre una dozzina di vaccini provenienti da oltre 100 candidati in tutto il mondo sono stati testati sull’uomo.

Leggi anche: 1. Quella ridicola passerella di Bergamo e lo Stato incapace di chiedere scusa (di G. Gambino) / 2. Chili di droga seppelliti sottoterra e pusher camuffati da rider: così lo spaccio è andato avanti durante il lockdown

Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale