Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le linee guida dell’antiterrorismo britannico da seguire in caso di attentato

Immagine di copertina

Le autorità britanniche suggeriscono di scappare o nascondersi, senza fingersi morti

Il governo britannico ha diffuso un documento, disponibile online, in cui spiega dettagliatamente cosa bisognerebbe fare in caso di attacchi armati. Le regole potrebbero risultare utili anche per cittadini di altre nazionalità.

Le norme da rispettare seguono i semplici principi dello “scappa, nasconditi, dai l’allarme”. 

Secondo le autorità del Regno Unito, chiunque si trovi coinvolto in una sparatoria dovrebbe immediatamente individuare le vie di fuga disponibili, convincendo anche chi si dovesse trovare vicino a scappare.

Se la fuga risultasse eccessivamente pericolosa, la soluzione migliore sarebbe quella di trovare un buon nascondiglio e non di fingersi morti, per evitare di essere scoperti e presi come ostaggi.

L’ufficio di sicurezza antiterrorismo ricorda che alcune pallottole sono in grado di perforare anche i mattoni, il legno, il vetro e il metallo, e sulla base di questi fattori specifica di scegliere attentamente il proprio nascondiglio.

Secondo le autorità è indispensabile, una volta che ci si è nascosti, localizzare tutte le possibili vie di fuga, che non si limitano alle porte. All’interno del nascondiglio, bisogna ricordarsi di togliere la suoneria a qualunque dispositivo elettronico si stia portando con sé, contattando immediatamente le autorità.

Mail, telefonate, sms e altri mezzi ancora sono degli ottimi metodi per far sapere alle forze di sicurezza dove ci si trova, dove sono precisamente gli attentatori e se ci sono o meno degli osteggi coinvolti nell’assalto.

Qualunque oggetto che possa intralciare la fuga deve essere abbandonato sul posto e non ci si deve assolutamente fermare per scegliere cosa portare con sé.

Il documento spiega anche il comportamento da tenere durante l’intervento delle forze dell’ordine.

Dato che in una retata ci può essere molta confusione, i civili devono tenere le mani in vista ed evitare movimenti bruschi, per non essere scambiati per attentatori. Devono inoltre essere disposti a fare quanto richiesto dalla polizia senza opporre la minima resistenza ed tenersi pronti a scappare durante l’evacuazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale