Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Tra i consiglieri di Trump c’è anche un lobbista legato al presidente turco Erdogan

Immagine di copertina

Michael Flynn gestisce una società di consulenza che sta facendo pressione per gli interessi turchi. Si è già schierato in favore dell'estradizione del predicatore Gulen

Uno dei futuri consulenti di Trump per la sicurezza nazionale sarà il generale in pensione Michael Flynn, un lobbista legato al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Nonostante Trump avesse detto di non volere funzionari legati a governi stranieri, ha scelto Flynn, che gestisce una società di consulenza che sta facendo pressione per gli interessi turchi, come riporta Il Politico.

Flynn aveva scritto un editoriale pubblicato su The Hill il giorno delle elezioni, sostenendo che gli Stati Uniti non dovrebbero fornire un “porto sicuro” per Fethullah Gülen, il predicatore islamico in esilio negli Stati Uniti e rivale di Erdogan. Il governo turco aveva accusato Gülen di essere la mente del fallito colpo di stato dello scorso luglio. accusa che Gülen continua a negare. 

“Abbiamo bisogno di vedere il mondo dal punto di vista della Turchia”, aveva scritto Flynn. “Cosa avremmo fatto se subito dopo l’11 settembre avessimo appreso la notizia che Osama bin Laden si trovava in una bella villa in una località turca, gestendo 160 scuole pagate dai contribuenti turchi?”

Flynn ha poi paragonato Gulen all’Ayatollah Khomeini in Iran. 

Gli avvocati di Gülen, della Steptoe & Johnson, hanno detto in un comunicato: “Speriamo che l’editoriale di Flynn su Gülen e sulle relazioni turco-americane, pubblicato prima che i risultati delle elezioni fossero noti, non rappresenti una dichiarazione della politica del presidente eletto Trump. Il processo di estradizione è una questione seria, regolata da un trattato con la Turchia, molto chiaro circa i passi che devono essere fatti in questi casi. Non dovrebbe essere una questione politica”.

Flynn, ex direttore della Defense Intelligence Agency, potrebbe avere buone chances di diventare il futuro Segretario alla Difesa o Consigliere per la sicurezza nazionale. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo