Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché il governo cinese ha vietato l’utilizzo della lettera “N” e ha bandito Winnie The Pooh dai social

Immagine di copertina

Se si cerca "Winnie the Pooh" su Sina Weibo, l'ibrido tra Twitter e Facebook cinese, appare il messaggio "secondo le leggi, i regolamenti e le politiche pertinenti i risultati di questa ricerca non vengono visualizzati"

Il governo cinese ha deciso di censurare la lettera “N”, la quattordicesima lettera dell’alfabeto latino e gancio per più di 600 parole di 8 lettere.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ma per il partito comunista cinese è anche una lettera sovversiva e intollerabile che questa settimana è stata bandita da Internet mentre i censori cinesi si sono battuti per mettere a tacere le critiche alla candidatura di Xi Jinping.

La consonante è stata forse la “vittima” più inusuale di un giro di vite contro parole, frasi e persino lettere sovversive che potrebbero essere usate per attaccare la controversa decisione di Pechino di abolire i limiti di termini costituzionali per il presidente della Cina.

Questo perché la lettera “N” nella scrittura cinese matematica si riferisce al concetto di infinito. Sembra infatti che i cinesi, sulle piattaforme social e di messaggistica online, abbiano cominciato a scherzare sul fatto che Xi potrebbe governare “all’infinito”, sostituendo quindi la X con il simbolo N.

In un post sul blog , Victor Mair, esperto della Cina dell’Università della Pennsylvania, ha affermato che i censori hanno intrapreso “azioni rapide e drastiche” dopo che “Internet è stato invaso dalle proteste”.

Secondo una lista compilata dal sito Web di China Digital Times , i termini di ricerca bloccati su Weibo includevano:

– 万岁 “wansui”, diecimila anni,  il modo in cui la Cina dice: “Lunga vita!” o “Viva!”

– Disaccordo, (不 同意)

– Xi Zedong (习 泽 东) – un ibrido tra i nomi di Xi e il presidente Mao Zedong

–  不要脸 “bu yaolian”: Senza pudore

–  终身 “zhongshen”: lungavita

–  个人 崇拜 “gerenchongbai”: vanità

–  移民 “yimin”: emigrazione

–  长生不老 changshenbulao: immortalità

Una censura di questa portata era già stata imposta a novembre, quando Pechino aveva lanciato un trasferimento di massa dei lavoratori migranti fuori dalla città, i cittadini cinesi avevano fatto ricorso rapidamente all’uso della frase “popolazione di fascia bassa” come alias in forma di protesta.


La frase fu usata per la prima volta dal governo, ma divenne una copertura per i pregiudizi verso i migranti e le critiche alle autorità. Agli utenti è stato presto impedito, tuttavia, di utilizzare la frase più a lungo.

Al di là dei social media, c’è stato un improvviso aumento di utenti cinesi che apparentemente considerano la possibilità di emigrare fuori dal paese, a giudicare da uno screenshot dell’indice Baidu, il principale motore di ricerca in lingua cinese, che mostra le tendenze della ricerca. Le ricerche con la parola “migrazione” (移民; yimin ) sono aumentate da quasi zero sabato 24 febbraio a oltre 2 mila verso le 19 del 27 febbraio scorso.

Baidu ha temporaneamente bloccato la funzione di indice per le ricerche che contengono “migrazione negli Stati Uniti” e “migrazione in Nuova Zelanda” che non danno più risultati.

In questi stessi giorni, il comitato centrale del Partito Comunista ha proposto di rimuovere i limiti del mandato presidenziale dalla costituzione del paese, secondo quanto riferito dai media di stato.

Ciò ha scatenato timori di un termine illimitato perXi Jinping, l’attuale presidente, e ha spinto gli utenti cinesi a rivolgersi ai ‘meme’, uno dei loro pochi modi che l’opposizione ha per condividere il dissenso.

Su WeChat, il Whatsapp cinese, la gente ha iniziato a diffondere immagini di Winnie the Pooh, un meme politico del 2013 che interpreta la somiglianza del presidente con l’orsetto paffuto.

Se si cerca la frase “Winnie the Pooh” su Sina Weibo, l’ibrido tra Twitter e Facebook cinese, il sito fa apparire il messaggio “secondo le leggi, i regolamenti e le politiche pertinenti i risultati di questa ricerca non vengono visualizzati”.

Una delle immagini che circolava sul feed di WeChat’s Moments presentava  l’orsetto Winnie the Pooh che abbraccia un grande contenitore di miele, accompagnato dalle parole “Il regno dell’orsetto Winnie The Pooh” in caratteri cinesi e “Trova la cosa che ami e rimani con essa” in lingua inglese.

Un’altra immagine mostrava l’orso vestito con un abito rosso e con una corona, mentre il suo amico asino Ih-oh indossava un elmo da cavaliere.

Entrambe le immagini, che da tempo suscitano l’ira della censura cinese, sono state rapidamente censurate.

Su Weibo, l’ibrido cinese tra Twitter e Facebook, agli utenti è comparso il messaggio che si trattava di una “violazione delle leggi e dei regolamenti” se avessero inviato commenti che contenevano “orsetto Winnie” in cinese (小熊维尼; Xiaoxiong Weini ).

La prospettiva che il governo di Xi non abbia più limiti di tempo ha ricordato a molte persone le dinastie passate della Cina, con gli imperatori in grado di rimanere al potere fino alla morte.

Alcuni hanno anche associato la mossa del governo cinese con Yuan Shikai, un generale della dinastia Qing che aveva cercato di restaurare la monarchia mentre la nazione stava virando tra la rivoluzione e un sistema più democratico.

Nel 1915, Yuan annunciò una nuova dinastia imperiale, con se stesso come imperatore. È durato circa tre mesi e poi è stato costretto ad abdicare .

Secondo TechWeb, né WeChat né Weibo consentirebbero agli utenti di modificare le proprie immagini di profilo, stati o nickname, citando come motivo la manutenzione del sistema.

Nel caso di WeChat, è stato comunicato che la mossa durerà fino a marzo. Sebbene non sia chiaro se le restrizioni abbiano un collegamento diretto con le notizie di Xi, alcuni lo hanno visto come un modo per prevenire il sottile dissenso.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre